SQUADRE

Ieri, al nostro incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica finalmente dal vivo, abbiamo parlato di come, ognuno di noi, nel proprio percorso di crescita, quando si stacca dalla personalità bambina e diventa adulto, può scegliere, e creare se non le trova, le squadre migliori.

Abbiamo visto la differenza tra i gruppi a cui apparteniamo senza un modo non consapevole, come la famiglia, la nazione, ecc. e quelli che scegliamo in un modo più consapevole, che abbiamo definito squadre:

Si inizia scegliendo, studiando, scomettendo su qualcosa di nuovo. Solo i bambini hanno paura del buio, dell’ignoto, dei cambiamenti, gli adulti sanno che si può cambiare e scelgono i cambiamenti e con chi condividerli;

Quando entriamo in questa modalità diventa sempre più semplice vedere le persone, le circostanze, le situazioni, come sono veramente, senza fare generalizzazioni, perchè semplificano alcune cose ma complicano altre;

Unendoci con altre persone uniche, ognuno a modo suo, con le proprie caratteristiche, capacità, problematiche, ecc.;

Accordandoci, imparando a conoscere noi stessi e gli altri, cosa abbiamo da offrire e di cosa abbiamo bisogno, e a negoziare e trattare con altri;

Dialogando, perchè è il dialogo che porta alle decisioni migliori, definendo i termini ogni volta che sia necessario per vivere nel qui e ora;  

Realisticamente, riflettendo sulle regole, riunendoci e creando delle reti flessibili e potenti ma soprattutto funzionali;

E per finire, abbiamo parlato di empatia, e del fatto che bisogna avere degli amici anche nell’inferno, perchè potrebbero essere necessari, in qualche momento, per essere noi stessi.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri eventi, e a non accontentarci mai di quello che siamo, di quello che abbiamo, e di quello che ci hanno detto che possiamo essere o avere, e a cercare nuove squadre che ci aiutino a diventare quello che vogliamo e possiamo. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. sedie a rotelle ⋆ Amor Ben, ottimizzatrice... - […] di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica della settimana scorsa, parlando di squadre e di come per fare una…

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.