la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, di un piccolo trucco per capire meglio noi stessi e il mondo che ci circonda, che consiste nel sostituire la parola “che” con la parola “quando”, quando parliamo delle persone che ci piacciono o che non ci piacciono.

Continuando con l’idea degli incontri precedenti, che non siamo degli esseri fissi con una sola personalità ma che abbiamo diverse parti che possono prendere il sopravvento e farci sembrare persone diverse, farci comportare in maniere diverse, abbiamo visto il fantastico potere della parola quando per sottolineare questo aspetto.

Per esempio, mi piacciono le persone che sorridono, da l’idea che per piacermi uno dovrebbe sorridere sempre, o se dico che non mi piacciono le persone che sono superficiali, queste persone lo siano sempre, è una forma di parlare per assoluti che ci toglie molto potere.

Invece, se dico mi piacciono le persone quando sorridono, mi da l’idea che possano sorridere a volte e non sorridere altre volte, e un po’ come il dipende, apre porte alle possibilità, e mi offre uno spiraglio per poter, se voglio, agire su quelle motivazioni, su quelle circostanze, quel “quando”.

Chiaramente, il potere maggiore lo troviamo quando la persona di cui stiamo parlando siamo noi stessi. Se non mi piace che mangio troppo, mi sto dando per impossibile. Se non mi piaccio quando mangio troppo, mi sto dando un’opportunità. Capisco che ho una tendenza/trappola ma capisco che la posso studiare ed evitare di cadere in quello che non mi piace.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri eventi, e a fare attenzione ogni volta che osserviamo qualcuno o qualcosa che ci piace o dispiace, vedere se possiamo inserire un quando... Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

Il drago dei desideri (2021)

Il drago dei desideri (2021)

Anche questa settimana mi sono guardata una commedia americana, I care a lot, una storia di truffatori, una truffa agli anziani molto più soffisticata del solito, che funziona fino a quando si scontra con qualcuno più forte e più cattivo.

l’erba blu…

l’erba blu…

Dicono che c’era una volta un uomo rimasto vedovo che si trovò da solo a prendersi cura delle sue due figlie, due bambine molto intelligenti e assai curiose, tanto che prima di fare qualsiasi cosa, ponevano mille domande al padre, spesso sembrava si divertissero a metterlo in difficoltà.

Aiutare i genitori ad aiutare i figli (2019)

Aiutare i genitori ad aiutare i figli (2019)

Siccome in questo periodo sto lavorando molto sulla genitorialità, mi sono letta Aiutare i genitori ad aiutare i figli. Problemi e soluzioni per il ciclo di vita,  di Giorgio Nardone. Un bellissimo libro sulla terapia indiretta, in cui i genitori assumono il ruolo decisivo di “coterapeuti” e diventano gli “specialisti” più vicini a cui i figli possono affidarsi.