parlare per assoluti

In questi giorni ho visto un video molto interessante preparato dai ragazzi del mensa italia sulle dieci fallacie argomentative più comuni che troviamo nelle conversazioni, nelle discussioni, usate in maniera consapevole e inconsapevole.

É un video fatto molto bene, spiega le fallacie, e fa esempi molto chiari perchè le possiamo riconoscere ovunque, dai dibattiti in tv alle discussioni, persino quando le usiamo noi. Perchè, come  già abbiamo accennato, non sempre si usano di proposito.

Parla di come, nel controbattere un argomento, spesso quello che si fa è deviare l’attenzione, anche se sembra che si sta parlando della stessa cosa, si parla di un’altra. Ci sono argomenti fantocci, false piste, cherry picking e critiche annedotiche, appelli alla maggioranza, ecc.

Sembrerebbe che uno usi queste fallacie per non “perdere” una discussione quando gli argomenti dell’altro sono più forti, ma non è detto che sia così. A volte semplicemente non sappiamo cosa dire e portiamo la conversazione in un’altro piano per poter continuare a parlare.

Una fallacia che non hanno spiegato, e che secondo me è la più pericolosa, è il parlare per assoluti. Quando non abbiamo dei veri argomenti per giustificare una azione, un pensiero, un commento che abbiamo fatto.

“Tutti gli uomini sono uguali”, “gli italiani sono così”, è chiaro che di per sè sono frasi false, ma siccome non le analizziamo, in superficie possono essere molto facilmente condivisibili, perciò si uniscono con l’appello alla maggioranza che raddoppia il loro peso.

 Vi dicevo che è la più pericolosa perchè alimenta (allena di forma inconsapevole) la tendenza a rimanere nel breve termine e nella superficialità che ci rende più debili e più infelici.

La buona notizia è che accorgerci è il primo passo per smettere.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

Il metodo Ikigai (2018)

Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.

Il buco (2019)

Il buco (2019)

La prima volta che ho visto qualche immagine di questo film, mi ha infastidito. Poi ho visto qualche recensione e ho pensato di guardarlo, andando oltre la superficie e devo dire che tanto le metafore come il simbolismo mi hanno veramente coinvolta…

empatia consapevole

empatia consapevole

Cercando immagini per rappresentare l’empatia ho trovato questi due fantastici ometti con la scritta “so esattamente come ti senti”. Loro non sono esattamente uguali ma hanno quel che sembra esattamente lo stesso problema.