parlare per assoluti

27 May 20

In questi giorni ho visto un video molto interessante preparato dai ragazzi del mensa italia sulle dieci fallacie argomentative più comuni che troviamo nelle conversazioni, nelle discussioni, usate in maniera consapevole e inconsapevole.

É un video fatto molto bene, spiega le fallacie, e fa esempi molto chiari perchè le possiamo riconoscere ovunque, dai dibattiti in tv alle discussioni, persino quando le usiamo noi. Perchè, come  già abbiamo accennato, non sempre si usano di proposito.

Parla di come, nel controbattere un argomento, spesso quello che si fa è deviare l’attenzione, anche se sembra che si sta parlando della stessa cosa, si parla di un’altra. Ci sono argomenti fantocci, false piste, cherry picking e critiche annedotiche, appelli alla maggioranza, ecc.

Sembrerebbe che uno usi queste fallacie per non “perdere” una discussione quando gli argomenti dell’altro sono più forti, ma non è detto che sia così. A volte semplicemente non sappiamo cosa dire e portiamo la conversazione in un’altro piano per poter continuare a parlare.

Una fallacia che non hanno spiegato, e che secondo me è la più pericolosa, è il parlare per assoluti. Quando non abbiamo dei veri argomenti per giustificare una azione, un pensiero, un commento che abbiamo fatto.

“Tutti gli uomini sono uguali”, “gli italiani sono così”, è chiaro che di per sè sono frasi false, ma siccome non le analizziamo, in superficie possono essere molto facilmente condivisibili, perciò si uniscono con l’appello alla maggioranza che raddoppia il loro peso.

 Vi dicevo che è la più pericolosa perchè alimenta (allena di forma inconsapevole) la tendenza a rimanere nel breve termine e nella superficialità che ci rende più debili e più infelici.

La buona notizia è che accorgerci è il primo passo per smettere.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.