proteggersi o non proteggersi

La settimana prossima, al secondo incontro del mese di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo il nostro percorso per smontare fake news, falsi miti e falsi bisogni” e parleremo in maniera più personalizzata di protezione e sicurezza.

Il bisogno di sicurezza è un bisogno “vero”, il più importante per la squadra dell’EGO, è istintivo ed è legato alla sopravvivenza, ed è utile, sempre che non sia esagerato. Il problema è che per il nostro cervello, per le voci nella nostra testa, non fa differenza che il pericolo sia reale o immaginato.

Perciò, quanto e come pensiamo ad un problema, è persino più importante di quanto lo sia il problema in sè, perchè si attiva anche la paura… Questo ha un lato negativo, se pensiamo troppo e  male possiamo immaginare tanti pericoli che non si avvereranno mai.

La buona notizia è che possiamo smettere di pensare troppo e male, possiamo pensare bene, infatti, all’incontro vedremo ognuno i pericoli che ci spaventano e parleremo di come affrontarli nel modo più utile e funzionale.

Nel percorso parleremo dei pericoli, di come nella nostra mente li ingrandiamo e di come, spesso, con le domande giuste, cambiando il nostro punto di vista, possiamo rimpicciolirli e affrontarli, invece di proteggerci.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a venire all’incontro, e a parlare con noi delle paure, così che possiamo, insieme, analizzarle per capire qual’è il pericolo che c’è dietro, qual’è la probabilità che si avveri, cosa potrebbe succedere veramente e quanto grave sarebbe se succedesse! Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.