proteggersi o non proteggersi

La settimana prossima, all’incontro del mese di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo il nostro percorso per smontare fake news, falsi miti e falsi bisogni” e parleremo in maniera più personalizzata di protezione e sicurezza.

Il bisogno di sicurezza è un bisogno “vero”, il più importante per la squadra dell’EGO, è istintivo ed è legato alla sopravvivenza, ed è utile, sempre che non sia esagerato. Il problema è che per il nostro cervello, per le voci nella nostra testa, non fa differenza che il pericolo sia reale o immaginato.

Perciò, quanto e come pensiamo ad un problema, è persino più importante di quanto lo sia il problema in sè, perchè si attiva anche la paura… Questo ha un lato negativo, se pensiamo troppo e  male possiamo immaginare tanti pericoli che non si avvereranno mai.

La buona notizia è che possiamo smettere di pensare troppo e male, possiamo pensare bene, infatti, all’incontro vedremo ognuno i pericoli che ci spaventano e parleremo di come affrontarli nel modo più utile e funzionale.

Nel percorso parleremo dei pericoli, di come nella nostra mente li ingrandiamo e di come, spesso, con le domande giuste, cambiando il nostro punto di vista, possiamo rimpicciolirli e affrontarli, invece di proteggerci.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a venire all’incontro, e a parlare con noi delle paure, così che possiamo, insieme, analizzarle per capire qual’è il pericolo che c’è dietro, qual’è la probabilità che si avveri, cosa potrebbe succedere veramente e quanto grave sarebbe se succedesse! Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

nuotare

nuotare

Dicono che c’era una volta un dotto professore, uno dei luminari più importanti del mondo, che veniva spesso invitato a tenere lezioni in tante università e circoli, era stato persino candidato al premio Nobel.

Torno indietro e cambio tutto (2015)

Torno indietro e cambio tutto (2015)

Oggi voglio parlarvi di un’altra commedia italiana vista su amazon premiun, Torno indietro e cambio tutto, con Raoul Bova, che racconta la storia di due amici che, insoddisfatti delle proprie vite, sperano di tornare indietro di vent’anni…

paure contrapposte

paure contrapposte

Ieri, nel nostro secondo incontro dopo il lockdown, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e con il sottotitolo “smontando fake news, falsi miti e falsi bisogni” abbiamo continuato a parlare di protezione, sicurezza e paure.