bisogni e desideri

07 Nov 19

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo continuato a riflettere insieme sull’importanza delle parole che scegliamo per definire e raccontarci il nostro mondo e sugli effetti che hanno sul suo sviluppo.

 Abbiamo parlato, soprattutto, della differenza che fa definire qualcosa che vogliamo, qualcosa di cui sentiamo la mancanza, come un bisogno o come un desiderio.

I bisogni sono cose di cui non possiamo fare a meno. Abbiamo bisogno di aria, di cibo e di relazioni. Abbiamo bisogno dimantenere una certa temperatura nel nostro corpo. I veri bisogni sono pochi e, spesso, ne abbiamo meno bisogno di quanto crediamo.

Quando definisco qualcosa come un bisogno, credo di dover averlo per forza, credo che la mia vita dipenda dal fatto di riuscire a ottenerlo, e mi sento molto debole senza.

Invece, se considero la stessa cosa come un desiderio, è facile che mi senta più forte, che possa immaginare un modo per ottenerlo, che possa prepararmi, cercare una strada e dare tutti i passi necessari per farlo diventare realtà.

Possiamo passare rassegna a tutti i nostri cosidetti bisogni e chiederci se sono veri bisogni o se sono solo delle cose che vorremmo avere, delle cose che crediamo di dover avere, delle cose che pensiamo abbiano tutti o delle cose che pensiamo di meritare per qualche ragione…

Finchè li vediamo come bisogni siamo loro schiavi, disperdiamo le nostre forze e viviamo tra continui sforzi, delusioni e frustrazioni.

Se li vediamo come desideri possiamo fare una gerarchia, dare delle priorità e dei tempi, mettere il cuore in pace su alcuni e concentrarci su altri.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto martedì!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.