bisogni e desideri

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo continuato a riflettere insieme sull’importanza delle parole che scegliamo per definire e raccontarci il nostro mondo e sugli effetti che hanno sul suo sviluppo.

 Abbiamo parlato, soprattutto, della differenza che fa definire qualcosa che vogliamo, qualcosa di cui sentiamo la mancanza, come un bisogno o come un desiderio.

I bisogni sono cose di cui non possiamo fare a meno. Abbiamo bisogno di aria, di cibo e di relazioni. Abbiamo bisogno dimantenere una certa temperatura nel nostro corpo. I veri bisogni sono pochi e, spesso, ne abbiamo meno bisogno di quanto crediamo.

Quando definisco qualcosa come un bisogno, credo di dover averlo per forza, credo che la mia vita dipenda dal fatto di riuscire a ottenerlo, e mi sento molto debole senza.

Invece, se considero la stessa cosa come un desiderio, è facile che mi senta più forte, che possa immaginare un modo per ottenerlo, che possa prepararmi, cercare una strada e dare tutti i passi necessari per farlo diventare realtà.

Possiamo passare rassegna a tutti i nostri cosidetti bisogni e chiederci se sono veri bisogni o se sono solo delle cose che vorremmo avere, delle cose che crediamo di dover avere, delle cose che pensiamo abbiano tutti o delle cose che pensiamo di meritare per qualche ragione…

Finchè li vediamo come bisogni siamo loro schiavi, disperdiamo le nostre forze e viviamo tra continui sforzi, delusioni e frustrazioni.

Se li vediamo come desideri possiamo fare una gerarchia, dare delle priorità e dei tempi, mettere il cuore in pace su alcuni e concentrarci su altri.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto martedì!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.