voci nella testa

Non essendo psicologa non devo (e non saprei nemmeno) usare i termini giusti per descrivere certe cose. Ma tanto, i termini giusti variano da una scuola all’altra e nel tempo… perciò noi ci capiamo facendo degli esempi e creando una “nostra” terminologia. Quando studio trovo diverse forme di spiegare le stesse cose e ho deciso di creare la mia, e ieri a facciamo pace, abbiamo sviluppato una delle mie “teorie”, che di teoría ha poco, è più una metáfora, una parabola, un gioco di parole, quello delle due squadre nella mente, di cui vi parlerò più volte perchè è uno dei miei argomenti preferiti.

Ultimamente un po’ ovunque, visto che siamo diventati tutti tuttologhi, si parla di termini sulla nostra mente, come EGO (normalmente scritto così in maiuscolo che sembra più inquietante), anima, personalità, sè, ecc. usati in qualsiasi nodo… per portarli nella funzionalità e nella pratica ho trovato una “mia” spiegazione. Per me noi abbiamo tante voci nella testa, senza essere schizofrenici, tutti. Ogni voce parla in un modo diverso e di argomenti diversi, ha degli obiettivi e delle risorse diversi. E, personalmente credo che l’equilibrio e il nostro potenziale si raggiungano più facilmente ascoltando un po’ tutte. Anche se accontentarle tutte è impossibile. E si possono raggruppare in due squadre. La squadra dell’ego e la squadra dell’anima. Ma occhio, che non c’è una meglio dell’altra.

La squadra dell’ego ha come principale obbietivo la nostra supervivenza e ha una memoria quasi infinita di pericoli e di problemi a cui prestare attenzione. La squadra dell’anima ha come principale obiettivo esperimentare, provare tante cose, curiosare e vedere cosa succede…

Nell’incontro abbiamo visto molto di più, scriverò altri post, ma… per ora, potrebbe convincervi?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

nuotare

nuotare

Dicono che c’era una volta un dotto professore, uno dei luminari più importanti del mondo, che veniva spesso invitato a tenere lezioni in tante università e circoli, era stato persino candidato al premio Nobel.

Torno indietro e cambio tutto (2015)

Torno indietro e cambio tutto (2015)

Oggi voglio parlarvi di un’altra commedia italiana vista su amazon premiun, Torno indietro e cambio tutto, con Raoul Bova, che racconta la storia di due amici che, insoddisfatti delle proprie vite, sperano di tornare indietro di vent’anni…

paure contrapposte

paure contrapposte

Ieri, nel nostro secondo incontro dopo il lockdown, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e con il sottotitolo “smontando fake news, falsi miti e falsi bisogni” abbiamo continuato a parlare di protezione, sicurezza e paure.