PENSARE

11 Sep 19

Ieri all’incontro di facciamo pace, alla fine abbiamo parlato del pensiero, di come pensiamo e di come il modo in cui pensiamo condiziona il resto della nostra vita, come diceva Gandhi, giacchè è il primo filtro attraverso il cuale passa il nostro mondo.

 Ed è anche quello più sottile perciò quello più “semplice” da cambiare (non dico che sia semplice o veloce ma che è più semplice cambiare un pensiero che cambiare un’abitudine), abbiamo analizzato con un acronimo alcuni degli aspetti più importanti a cui possiamo prestare attenzione se vogliamo migliorare la nostra capacità di pensare:

P.ogni pensiero parte di una serie di premesse, di credenze, più o meno limitanti, completamente personali e che fanno parte del percorso di ognuno;

E.oltre alle credenze, nei nostri pensieri normalmente si mischiano le nostre emozioni, che sono comunque così interrelazionate con essi da essere difficili da staccare;

N.la enne ci ricorda che normalmente, ogni pensiero risponde ad una necessità e che perchè sia utile dovrebbe essere il più neutrale possibile;

S.la esse sta per situazioni, perchè ogni pensiero, anche se sembra obiettivo, è facile che sia condizionato da dove ci troviamo, e quando non troviamo una soluzione ad un problema, può essere utile pensarci di nuovo in un’altro momento;

A.la A ci ricorda che il pensare deve portare all’azione, all’agire, perchè se rimane tutto solo pensato non serve a nulla, non porta da nessuna parte;

R.la R ci ricorda che quando il pensare non ci porta dove vogliamo possiamo sempre riflettere su quanto siamo realisti o se ci stiamo prendendo le nostre responsabilità;

E.per finire, tutto questo processo di analisi avrebbe come obiettivo portarci ad una emancipazione sia emotiva che dai nostri pensieri precendenti per poter sfruttare meglio questa nostra capacità. 

C’eravate? Vi è piaciuto? Spero di si e vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

Nulla al mondo è normale. Tutto ciò che esiste è un frammento del grande enigma.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.

S come sfortuna e sfida

S come sfortuna e sfida

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che abbiamo raccolto insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è sfortuna, sfiga, sventura. È una parola da evitare perchè è una trapola in cui nasconderci quando non vogliamo cambiare.