come stai

Qualche mese fa abbiamo parlato di come affrontare le accuse ingiustificate. In questi giorni che un po’ tutti accusano un po’ tutti, ci penso spesso, a quello che ci manca veramente, come umanità, e secondo me è chiederci come stiamo.

Chiederci come stiamo gli uni agli altri e anche chiedercelo noi stessi, quando siamo da soli, e quando siamo in compagnia. Sul serio, con vero interesse, e pazienza, dandoci tuttp il tempo per rispondere.

Perchè “come stiamo” è molto importante. Abbiamo già parlato di come le nostre emozioni influenzino le nostre azioni, e di come le nostre credenze influenzino le nostre emozioni. E, soprattutto, di come modificare le nostre credenze per cambiare le emozioni dalla base.

Chiederci come stiamo, noi stessi, per capire cosa c’è dietro alle nostre parole quando parliamo, per portare in superficie quello che c’è sotto e che non si vede.

E chiedercelo l’un l’altro per capire cosa non ci stiamo dicendo, perchè quando le persone si comportano in modi incomprensibili è perchè c’è sotto qualcosa che non sappiamo e che non stiamo tenendo in considerazione.

Anche perchè, siccome spesso stiamo più attenti delle emozioni degli altri, dei loro sentimenti, che dei nostri. Potrebbe essere che chi abbiamo di fronte non si sia fatto la domanda e stia aspettando che gliela facciamo noi.

Infatti, il mio invito è proprio a lavorare su questa domanda, ad approfondire, a chiederci come stiamo soprattutto quando non otteniamo quel che volevamo dalla vita, per capire perchè non stiamo dando il meglio di noi. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando superi le tue paure, ti senti libero...

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.

Doni, talenti, missioni e blocchi

Doni, talenti, missioni e blocchi

Ieri, nel incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e con il sottotitolo “smontando fake news, falsi miti e falsi bisogni” abbiamo parlato del lockdown che sta arrivando e siamo andati a chiedere consigli ad un’esperta di confinamenti non meritati, Raperonzolo.