accuse infondate

In questi giorni mi è capitato spesso di parlare con persone che hanno subito delle accuse infondate da parte di persone con cui hanno delle relazioni che possono essere sentimentali, lavorative o di famiglia.

Un figlio che si lamenta che la madre lo considera inmaturo e lo assila al punto di diventare isterica o sclerata. Lo accusa di non raccontare mai niente e poi quando racconta qualcosa lo sgrida perchè avrebbe dovuto fare diversamente.

Un fidanzato che mi racconta della fidanzata che si sveglia e lo accusa di aver smesso di amarla perchè “mentre dormiva” l’ha allontanata” e si sa… “durante il sonno viene fuori la nostra vera personalità”

Quello delle accuse infondate è uno degli argomenti più facili da trattare quando sappiamo come farlo e siamo allenati, ma il metodo è ancora noto a pochi. La stramaggioranza da consigli inutili o deleteri come “contrattacca” o “ignora”.

Questi due consigli non funzionano perchè perdono di vista la realtà ed entrano nelle spirali distruttive che le accuse avevano creato. Quando il figlio ignora le accuse della mamma queste rimangono nella sua mente come ombre e quando il fidanzato contrattacca potrebbe dire qualcosa di cui dopo si pente.

Per affrontarle la prima cosa è partire proprio dal fatto che sono infondate, che sono false, che sono delle “scuse” per esternare un disaggio vero che si fa fatica a esternare direttamente, perchè non si ha la consapevolezza o per altri motivi.

E la seconda applicare i 4 accordi, soprattutto il secondo “non prendere niente sul personale“, ricordare che quando qualcuno ci dice “non mi ami più come un tempo” in realtà sta dicendo “non riesco a sentire il tuo amore e mi sento perso”, e rispondere a questa versione della storia.

Che ne pensate? Siete d’accordo? Volete provare?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono l’ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo sia un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.