accuse infondate

In questi giorni mi è capitato spesso di parlare con persone che hanno subito delle accuse infondate da parte di persone con cui hanno delle relazioni che possono essere sentimentali, lavorative o di famiglia.

Un figlio che si lamenta che la madre lo considera inmaturo e lo assila al punto di diventare isterica o sclerata. Lo accusa di non raccontare mai niente e poi quando racconta qualcosa lo sgrida perchè avrebbe dovuto fare diversamente.

Un fidanzato che mi racconta della fidanzata che si sveglia e lo accusa di aver smesso di amarla perchè “mentre dormiva” l’ha allontanata” e si sa… “durante il sonno viene fuori la nostra vera personalità”

Quello delle accuse infondate è uno degli argomenti più facili da trattare quando sappiamo come farlo e siamo allenati, ma il metodo è ancora noto a pochi. La stramaggioranza da consigli inutili o deleteri come “contrattacca” o “ignora”.

Questi due consigli non funzionano perchè perdono di vista la realtà ed entrano nelle spirali distruttive che le accuse avevano creato. Quando il figlio ignora le accuse della mamma queste rimangono nella sua mente come ombre e quando il fidanzato contrattacca potrebbe dire qualcosa di cui dopo si pente.

Per affrontarle la prima cosa è partire proprio dal fatto che sono infondate, che sono false, che sono delle “scuse” per esternare un disaggio vero che si fa fatica a esternare direttamente, perchè non si ha la consapevolezza o per altri motivi.

E la seconda applicare i 4 accordi, soprattutto il secondo “non prendere niente sul personale“, ricordare che quando qualcuno ci dice “non mi ami più come un tempo” in realtà sta dicendo “non riesco a sentire il tuo amore e mi sento perso”, e rispondere a questa versione della storia.

Che ne pensate? Siete d’accordo? Volete provare?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.

due piedi

due piedi

La settimana prossima, all'incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, ancora una volta online, il tema sarà la dualità e come gestirla, perchè ci hanno sempre insegnato che dobbiamo fare delle scelte ma a spesso è pìu funzionale trovare...

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.