sostanza e circostanze

24 Jul 19

Ieri all’incontro di facciamo pace, abbiamo finito per parlare di sostanza e circostanze, di come quello che siamo, quello che veramente siamo, cambi a seconda di dove e con chi siamo, di quello che è successo prima o di quello che crediamo possa succedere dopo.

Ormai è abbastanza riconosciuto da tutti che non abbiamo una sola personalità, e che non sempre ci comportiamo nello stesso modo. Ci sono i ruoli che giochiamo, per esempio con la nostra mamma, con il capo, con i colleghi, con amici al bar o a casa, a volte siamo più riservati, altre più estroversi, a volte siamo più o meno formali.

E poi ci sono i momenti, appena svegli molti sono più scorbutici, altri sono più sorridenti. Dopo che abbiamo perso qualcosa, è facile che ci sentiamo frustrati e prima di una prova o di un esame è probabile che ci sentiamo tesi e sotto pressione.

Molti rappresentano queste diverse “personalità” come delle piramidi, delle scale o delle scatole una dentro all’altra, ma io preferisco immaginarlo come un calderone di quelli delle streghe, in cui ribolle una zuppa di caratteristiche, di informazioni, di ricordi, di emozioni, di capacità e di voci nella testa.

È una zuppa oscura e densa, possiamo sapere cos c’è dentro solo osservando e ascoltando quello che succede attorno a noi, i nostri pensieri e le emozioni che suscitano in noi.

Che ne dite? C’eravate? Qualcosa da aggiungere? Vi aspetto al prossimo evento!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.