pensieri ed emozioni

27 Feb 19

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Parleremo di responsabilità e di coerenza, seguendo il persorso iniziato l’ultima volta, e parleremo della relazione tra i pensieri e le emozioni e come si influenzano a vicenda…

Nel post di ieri dicevamo che ci sono delle cose che ci hanno raccontato a metà, parlavamo del rapporto fra quel che sucede fuori e quel che succede dentro. All’incontro parleremo anche del rapporto tra quello che sucede in quello che chiamiamo “cuore” e in quello che chiamiamo “testa”.

Anche in questo caso ci hanno insegnato che quello che pensiamo dipende da quello che sentiamo. Che quando siamo tristi abbiamo pensieri negativi e quando siamo allegri è più facile avere pensieri positivi…

Ma non ci hanno parlato dell’altro lato della medaglia. Del fatto che le nostre emozioni non sono assolute ma dipendono dalle nostre credenze. La tristezza non dipende “direttamente” da quello che ci succede, ma da quello che pensiamo su di esso, da come lo giudichiamo.

Uno stesso evento, per due persone diverse, o per la stessa persona in momenti diversi della loro vita, può provocare emozioni molto diverse. Anzi, un qualsiasi evento può suscitarci un’emozione molto negativa fino a quando ne conosciamo la motivazione, e questa può cambiare non appena veniamo a saperla.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Venite e continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.