retroalimentazione

Una delle mie riflessioni preferite è quella dei concetti che ci hanno insegnato in maniera sbagliata, tra questi ci sono alcuni che ci hanno raccontato in maniera “parziale”. Come per esempio il rapporto di dipendenza fra quello che ci succede, quello che pensiamo e quello che sentiamo.

Tutti sanno che i nostri pensieri e le nostre emozioni dipendono da quello che ci succede. Quando ci capita qualcosa di bello, o di brutto, è naturale che i nostri pensieri e le nostre emozioni varino di conseguenza.

Quello che non tutti sanno è che questo è solo la metà del gioco, l’altra metà, ovvero il percorso contrario, è anche vera: quello che ci succede dipende da quello che pensiamo e sentiamo. Quando siamo calmi e abbiamo pensieri ed emozioni serene, è molto più difficile che ci accada qualcosa che ci fa perdere le staffe, rispetto a quando siamo nervosi e tesi e i pensieri e le emozioni ci ribollono dentro.

Da una parte c’è la legge di attrazione, dall’altra c’è la questione dell’attenzione. Attiriamo quello che pensiamo e sentiamo per la frequenza in cui vibriamo, e vediamo quello che crediamo possibile perchè concentriamo su di esso tutta la nostra attenzione.

In questo modo possiamo modificare quello che ci succede modificando i nostri pensieri e le nostre emozioni, ne abbiamo parlato quando parlavamo del genio ingenuo e altri argomenti simili. Ci avete mai provato?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.