vacanza studio

Oggi parliamo di filosofia e di spiritualità. E cerchiamo di dare una risposta ad alcune delle domande base della filosofia originaria con i concetti della spiritualità (che non religione) di tutti i tempi, che oggi giorno è tornata in voga grazie alla decadenza delle religioni. Chi siamo? Cosa facciamo? Dove stiamo andando? Perchè siamo qui, su questo pianeta?

La mia risposta (non è solo mia, l’ho dedotta da tutto quello che ho studiato, non l’ho inventata ma l’ho adattata al mio modo di spiegare le cose) è che siamo degli spiritelli (o anime) che vivono in un’altra dimensione e decidono di scendere alla terra per fare un esperienza “diversa” e imparare qualcosa di “nuovo“, come una specie di vacanza studio.

Per farlo, vanno dal direttore della scuola vacanza e dicono “vorrei imparare questo, questo e quest’altro”. Il direttore aggiunge le materie obbligatorie (perdono, amore, ecc.) e stila il piano di studio nei dettagli, dalla famiglia di accoglienza, alle situazioni che incontreremo da bambini, adulti, ecc. Per permetterci di imparare quelle cose. Poi, una volta deciso nei dettagli l’anima firma, si incarna nell’esserino appena concepito e perde la memoria di quello che sta per accadere… se no… non potrebbe imparare.

Perciò ci troviamo a vivere una vita che crediamo di non avere chiesto quando in realtà l’avevamo chiesta, proprio così, con tutte queste difficoltà, e anche le gioie.

C’è ancora una cosa da aggiungere, anche in questo piano di studi (che per oguno è diverso), ci sono una serie di lezioni ed esami per ogni argomento, che ogni volta sono di un livello più alto, e per tanto più difficili e complessi. Soprattutto se non abbiamo superato i precedenti. Se non abbiamo superato perdono1, quando ci si presenterà perdono2 faremo più fatica. Perciò quando qualcosa ci fa veramente dannare è perchè sta cercando di insegnarci ad un livello molto alto qualcosa che ci rifiutiamo di imparare da molti livelli.

Che ne pensate? Potrebbe essere coerente con la vostra visione del mondo? A me è servita molto, sono curiosa se potrebbe aiutare anche voi… scrivetemi nei commenti, se vi va.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.

il diavolo e il cavallo

il diavolo e il cavallo

Dicono che c’era una volta un paese in cui tutti erano molto litigiosi, si dice che era un posto così terribile che, il diavolo, quando voleva prendersi una vacanza dall’inferno e vivere sulla terra, si faceva una passeggiata nelle loro strade.