vacanza studio

Oggi parliamo di filosofia e di spiritualità. E cerchiamo di dare una risposta ad alcune delle domande base della filosofia originaria con i concetti della spiritualità (che non religione) di tutti i tempi, che oggi giorno è tornata in voga grazie alla decadenza delle religioni. Chi siamo? Cosa facciamo? Dove stiamo andando? Perchè siamo qui, su questo pianeta?

La mia risposta (non è solo mia, l’ho dedotta da tutto quello che ho studiato, non l’ho inventata ma l’ho adattata al mio modo di spiegare le cose) è che siamo degli spiritelli (o anime) che vivono in un’altra dimensione e decidono di scendere alla terra per fare un esperienza “diversa” e imparare qualcosa di “nuovo“, come una specie di vacanza studio.

Per farlo, vanno dal direttore della scuola vacanza e dicono “vorrei imparare questo, questo e quest’altro”. Il direttore aggiunge le materie obbligatorie (perdono, amore, ecc.) e stila il piano di studio nei dettagli, dalla famiglia di accoglienza, alle situazioni che incontreremo da bambini, adulti, ecc. Per permetterci di imparare quelle cose. Poi, una volta deciso nei dettagli l’anima firma, si incarna nell’esserino appena concepito e perde la memoria di quello che sta per accadere… se no… non potrebbe imparare.

Perciò ci troviamo a vivere una vita che crediamo di non avere chiesto quando in realtà l’avevamo chiesta, proprio così, con tutte queste difficoltà, e anche le gioie.

C’è ancora una cosa da aggiungere, anche in questo piano di studi (che per oguno è diverso), ci sono una serie di lezioni ed esami per ogni argomento, che ogni volta sono di un livello più alto, e per tanto più difficili e complessi. Soprattutto se non abbiamo superato i precedenti. Se non abbiamo superato perdono1, quando ci si presenterà perdono2 faremo più fatica. Perciò quando qualcosa ci fa veramente dannare è perchè sta cercando di insegnarci ad un livello molto alto qualcosa che ci rifiutiamo di imparare da molti livelli.

Che ne pensate? Potrebbe essere coerente con la vostra visione del mondo? A me è servita molto, sono curiosa se potrebbe aiutare anche voi… scrivetemi nei commenti, se vi va.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.

perchè sono così povero?

perchè sono così povero?

Dicono che c’era una volta un bambino molto povero. Era nato in una famiglia povera, viveva in un quartiere molto povero e tutto quello che vedeva nella sua vita era povertà. Dicono che una notte, mentre dormiva tra le vecchie coperte che sua mamma aveva trovato per strada, sogno Dio e gli chiese: