vacanza studio

24 Jan 17

Oggi parliamo di filosofia e di spiritualità. E cerchiamo di dare una risposta ad alcune delle domande base della filosofia originaria con i concetti della spiritualità (che non religione) di tutti i tempi, che oggi giorno è tornata in voga grazie alla decadenza delle religioni. Chi siamo? Cosa facciamo? Dove stiamo andando? Perchè siamo qui, su questo pianeta?

La mia risposta (non è solo mia, l’ho dedotta da tutto quello che ho studiato, non l’ho inventata ma l’ho adattata al mio modo di spiegare le cose) è che siamo degli spiritelli (o anime) che vivono in un’altra dimensione e decidono di scendere alla terra per fare un esperienza “diversa” e imparare qualcosa di “nuovo“, come una specie di vacanza studio.

Per farlo, vanno dal direttore della scuola vacanza e dicono “vorrei imparare questo, questo e quest’altro”. Il direttore aggiunge le materie obbligatorie (perdono, amore, ecc.) e stila il piano di studio nei dettagli, dalla famiglia di accoglienza, alle situazioni che incontreremo da bambini, adulti, ecc. Per permetterci di imparare quelle cose. Poi, una volta deciso nei dettagli l’anima firma, si incarna nell’esserino appena concepito e perde la memoria di quello che sta per accadere… se no… non potrebbe imparare.

Perciò ci troviamo a vivere una vita che crediamo di non avere chiesto quando in realtà l’avevamo chiesta, proprio così, con tutte queste difficoltà, e anche le gioie.

C’è ancora una cosa da aggiungere, anche in questo piano di studi (che per oguno è diverso), ci sono una serie di lezioni ed esami per ogni argomento, che ogni volta sono di un livello più alto, e per tanto più difficili e complessi. Soprattutto se non abbiamo superato i precedenti. Se non abbiamo superato perdono1, quando ci si presenterà perdono2 faremo più fatica. Perciò quando qualcosa ci fa veramente dannare è perchè sta cercando di insegnarci ad un livello molto alto qualcosa che ci rifiutiamo di imparare da molti livelli.

Che ne pensate? Potrebbe essere coerente con la vostra visione del mondo? A me è servita molto, sono curiosa se potrebbe aiutare anche voi… scrivetemi nei commenti, se vi va.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Paradise (2023) — bis — bis — bis

Paradise (2023) — bis — bis — bis

Questa settimana ho visto un film di animazione bellissimo, su Netflix, L’elefante del mago, una storia sull’ottimismo, sulla speranza, sulla fantasia e la capacità di credere in qualcosa di più grande di noi.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.