noi chi?

La prossima settimana, al nostro incontro, ancora online, del nostro facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo con lo stesso argomento, a parlare di come crescere, e parleremo soprattutto di come scegliere i nostri compagni di viaggio, la nostra squadra

Abbiamo parlato più volte di come i gruppi a cui apparteniamo ci limitano e ci condizionano, in cosa possiamo fare o non possiamo fare. Martedí vedremo che uno degli elementi che possiamo allenare per crescere, la capacità di scegliere a quali gruppi vogliamo appartenere.

Quando il bambino nasce deve tutto al gruppo, ai gruppi, in cui è nato e non può pensare di abbandonarlo, di andare contro le sue regole, di indipendizzarsi, ma crescendo questo può cambiare quando sviluppa la sua personalità adulta. Se non si permette di svilupparla soffre perchè sarà sempre in conflitto tra la sua natura, che si è sviluppata e detta i suoi desideri, e la sua mente che li reprime.

L’adulto impara a valersi da solo, a prendersi cura di se stesso e si rende conto che non deve niente a nessuno, ma questo non vuol dire che deva stare sempre da solo, anzi, è affidabile e può fare patti, creare degli accordi, creare dei nuovi gruppi, con degli obiettivi e delle regole più consoni all’adulto che è diventato.

Ma neanche la personalità adulta è libera di conflitti, perchè sa relazionarsi solo con altri adulti, non sa avere a che fare nè con i bambini nè con i genitori, non sa chiedere quando non ha nulla da dare in cambio e non sa dare, e perchè i gruppi funzionino bene serve che siano eterogenei, con un po’ di tutto.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri eventi, e a non smettere mai di crescere, di allenare tutte le noste personalità, di metterle in gioco e a scegliere con chi fare squadra, quali delle squadre a cui apparteniamo oggi vogliamo mantenere e quali lasciar perdere. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando superi le tue paure, ti senti libero...

 

Modelli di famiglia (2001)

Modelli di famiglia (2001)

Questa settimana, ho letto di nuovo un libro di Giorgio Nardone, Modelli di famiglia, un libro meraviglioso sui rapporti all’interno delle famiglie e sui loro sviluppo e come condiziona la vita di ogni uomo, di ogni donna, dei genitori, e dei figli, sia all’interno della famiglia che all’esterno nei rapporti con gli altri.

i minatori

i minatori

Dicono che c’era una volta un maestro molto amato dai bambini per le sue spiegazioni e per i suoi esempi, spesso preferivano ascoltare le sue storie anche durante la ricreazione, invece di giocare a pallone. Un giorno i bimbi parlavano di potere e gli chiesero chi erano le persone più potenti in assoluto.

Basta dirlo (2021)

Basta dirlo (2021)

Anche questa settimana, ho letto un libro di Wayne Dyer,  questa volta è stato un libro di cui avevo visto un documentario perchè hanno fatto anche il DVD: Il cambiamento. Dall’ambizione al senso della vita. Viaggio spirituale alla ricerca dello scopo dell’esistenza.