noi chi?

09 Jun 21

La prossima settimana, al nostro incontro, ancora online, del nostro facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo con lo stesso argomento, a parlare di come crescere, e parleremo soprattutto di come scegliere i nostri compagni di viaggio, la nostra squadra

Abbiamo parlato più volte di come i gruppi a cui apparteniamo ci limitano e ci condizionano, in cosa possiamo fare o non possiamo fare. Martedí vedremo che uno degli elementi che possiamo allenare per crescere, la capacità di scegliere a quali gruppi vogliamo appartenere.

Quando il bambino nasce deve tutto al gruppo, ai gruppi, in cui è nato e non può pensare di abbandonarlo, di andare contro le sue regole, di indipendizzarsi, ma crescendo questo può cambiare quando sviluppa la sua personalità adulta. Se non si permette di svilupparla soffre perchè sarà sempre in conflitto tra la sua natura, che si è sviluppata e detta i suoi desideri, e la sua mente che li reprime.

L’adulto impara a valersi da solo, a prendersi cura di se stesso e si rende conto che non deve niente a nessuno, ma questo non vuol dire che deva stare sempre da solo, anzi, è affidabile e può fare patti, creare degli accordi, creare dei nuovi gruppi, con degli obiettivi e delle regole più consoni all’adulto che è diventato.

Ma neanche la personalità adulta è libera di conflitti, perchè sa relazionarsi solo con altri adulti, non sa avere a che fare nè con i bambini nè con i genitori, non sa chiedere quando non ha nulla da dare in cambio e non sa dare, e perchè i gruppi funzionino bene serve che siano eterogenei, con un po’ di tutto.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri eventi, e a non smettere mai di crescere, di allenare tutte le noste personalità, di metterle in gioco e a scegliere con chi fare squadra, quali delle squadre a cui apparteniamo oggi vogliamo mantenere e quali lasciar perdere. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.