noi chi?

La prossima settimana, al nostro incontro, ancora online, del nostro facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo con lo stesso argomento, a parlare di come crescere, e parleremo soprattutto di come scegliere i nostri compagni di viaggio, la nostra squadra

Abbiamo parlato più volte di come i gruppi a cui apparteniamo ci limitano e ci condizionano, in cosa possiamo fare o non possiamo fare. Martedí vedremo che uno degli elementi che possiamo allenare per crescere, la capacità di scegliere a quali gruppi vogliamo appartenere.

Quando il bambino nasce deve tutto al gruppo, ai gruppi, in cui è nato e non può pensare di abbandonarlo, di andare contro le sue regole, di indipendizzarsi, ma crescendo questo può cambiare quando sviluppa la sua personalità adulta. Se non si permette di svilupparla soffre perchè sarà sempre in conflitto tra la sua natura, che si è sviluppata e detta i suoi desideri, e la sua mente che li reprime.

L’adulto impara a valersi da solo, a prendersi cura di se stesso e si rende conto che non deve niente a nessuno, ma questo non vuol dire che deva stare sempre da solo, anzi, è affidabile e può fare patti, creare degli accordi, creare dei nuovi gruppi, con degli obiettivi e delle regole più consoni all’adulto che è diventato.

Ma neanche la personalità adulta è libera di conflitti, perchè sa relazionarsi solo con altri adulti, non sa avere a che fare nè con i bambini nè con i genitori, non sa chiedere quando non ha nulla da dare in cambio e non sa dare, e perchè i gruppi funzionino bene serve che siano eterogenei, con un po’ di tutto.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri eventi, e a non smettere mai di crescere, di allenare tutte le noste personalità, di metterle in gioco e a scegliere con chi fare squadra, quali delle squadre a cui apparteniamo oggi vogliamo mantenere e quali lasciar perdere. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Tu puoi cambiare la tua vita (2018)

Tu puoi cambiare la tua vita (2018)

Anche questa settimana mi sono letta un libro di Emmet Fox, meraviglioso, Tu puoi cambiare la tua vita. Un libro sulla preghiera scientifica come soluzione a tutti problemi della vita, come una forma di chiedere aiuto a qualcuno più potente e più utile.

10 regole per fare innamorare (2012)

10 regole per fare innamorare (2012)

Questa settimana mi sono guardata, sempre su Netflix, un’altra commedia francese sui problemi delle famiglie di oggi giorno, sulle pressioni a cui ci sottopone la società, sempre più esigente soprattutto con le apparenze: Guida alla famiglia perfetta.

il momento giusto

il momento giusto

Dicono che c’era una volta un professore universitario molto amato per la comprensione che dimostrava, non solo della sua materia, ma anche del mondo in cui viviamo, che un giorno vide arrivare tardi in classe uno dei suoi allievi preferiti. Era in ritardo e si vedeva che si sentiva in colpa.