crescere

26 May 21

La settimana prossima, all’incontro, ancora online, del nostro facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, parleremo di una delle soluzioni che consiglio più spesso, per la maggior parte dei mali e dei problemi che abbiamo, in una parola “crescere”.

Può sembrare banale, ma non lo è. Qualche settimana fa abbiamo parlato del fatto che i problemi sono legati alle diverse fasi dello sviluppo della personalità, alcuni alla nostra personalità bambina, altri alla personalità adulta, ecc.

Potremo vedere in quest’ottica la frase di Einstein, per risolvere i problemi. “Non puoi risolvere un problema con lo stesso tipo di pensiero che hai usato per crearlo“. Per risolvere un problema creato dal nostro bambino interiore, bisogna sviluppare e allenare il nostro adulto interiore e anche il nostro genitore interiore.

Potremmo dire che ogni volta che non riusciamo a fare qualcosa, è perchè da qualche parte c’è un conflitto, un desiderio irrealizzabile del bambino, del adulto o del genitore, una regola dell’uomo considerata più importante delle regole della natura.

Se vediamo le cose in questo modo, crescere potrebbe essere la soluzione, ma bisogna crescere nel modo giusto, disimparando le regole dell’uomo che vanno contro quelle della natura e imparando a conoscere meglio i nostri veri desideri realizzabili.

La buona notizia è che crescere non è così difficile, e che imparare è parte della nostra natura, e non è mai troppo tardi per iniziare a fare le cose nel modo giusto, anche se i problemi sono stati aggravati per anni in cui abbiamo continuato a fare le cose “sbagliate”.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri eventi, e anche a vedere che siamo un po’ come i serpenti, e che a volte devono cambiare la pelle, quando gli rimane stretta, per poter continuare a vivere. Nel nostro caso quando il corpo cresce, quello che dobbiamo cambiare, quello che lo protegge, non è la pelle ma la nostra mente. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.