Soul (2020)

31 Dec 20

Il giorno di Natale, finalmente, è uscito Soul, l’ultimo film firmato da Disney Pixar, dagli sceneggiatori di Inside Out, Up, Coco, e anche Monsters & co. e e devo dire che l’ho amato dall’inizio alla fine. Ogni disegno, ogni personaggio, ogni pensiero, ogni parola…

Racconta la storia di un uomo, un musicista jazz, che si guadagna la vita insegnando musica ai bambini nell’attesa della sua grande opportunità, e quando questa arriva… niente risulta come sarebbe dovuto essere.

Un viaggio nell’aldilà, in una bellissima rappresentazione di come funziona lo spazio prima e dopo la vita, uno spazio parallelo con cui si può entrare in contatto anche da vivi, quando si parla la stessa lingua, quella del senso della vita.

Se non l’avete visto ve lo consiglio dal profondo della mia anima, se l’avete visto, ditemi cosa ne pensate, ne sono curiosa.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.