Soul (2020)

Il giorno di Natale, finalmente, è uscito Soul, l’ultimo film firmato da Disney Pixar, dagli sceneggiatori di Inside Out, Up, Coco, e anche Monsters & co. e e devo dire che l’ho amato dall’inizio alla fine. Ogni disegno, ogni personaggio, ogni pensiero, ogni parola…

Racconta la storia di un uomo, un musicista jazz, che si guadagna la vita insegnando musica ai bambini nell’attesa della sua grande opportunità, e quando questa arriva… niente risulta come sarebbe dovuto essere.

Un viaggio nell’aldilà, in una bellissima rappresentazione di come funziona lo spazio prima e dopo la vita, uno spazio parallelo con cui si può entrare in contatto anche da vivi, quando si parla la stessa lingua, quella del senso della vita.

Se non l’avete visto ve lo consiglio dal profondo della mia anima, se l’avete visto, ditemi cosa ne pensate, ne sono curiosa.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

Prendi in mano la tua vita (2020)

Prendi in mano la tua vita (2020)

Questa settimana mi è caduto tra le mani un libro di Ettore Amato, Prendi in mano la tua vita: 11 passi per realizzare i tuoi sogni. Mi è piaciuto veramente tanto, è un bel rissunto di tante strategie e tecniche, frutto del suo lavoro, raccontato in maniera molto semplice e pieni di esercizi pratici.

Momenti di trascurabile felicità (2019)

Momenti di trascurabile felicità (2019)

Questa settimana, per caso su Nextflix, ho visto un bellissimo film italiano, Momenti di trascurabile felicità, diretto da Daniele Luchetti, con Pif e Thony, basato sull’omonimo libro di Francesco Piccolo sulla vita e la morte, sulle scelte che facciamo quando pensiamo di vivere per sempre.

due domande

due domande

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato di potere, di quelle cose che vorremmo fare ma non facciamo, perchè crediamo di non potere o di non dovere fare.