up (2009)

Un film che ho amato molto è Up. Ed è un film che amo per tante ragioni, per i personaggi, per i disegni, per l’idea di portare via la casa attaccandoci dei palloncini… e anche, perchè no? per come parlano i cani. Avendone io uno con cui vorrei comunicare meglio.

 

Ma se ve ne parlo in questo blog è per le cose che ci mostra:

  • quanto sia facile posticipare i propri sogni, andando dietro alle cose che ci distraggono ogni giorno… dire l’anno prossimo, questo è più urgente… e accorgersi solo quando ormai è troppo tardi.
  • quanto sia facile cambiare idea quando ci sentiamo costretti, quando crediamo di non avere alternative, quello che sembrava impossibile prima diventa non solo possibile ma persino semplice.
  • quanto sia facile fare amicizia con qualcuno con cui fino a poco tempo prima ci sembrava di non avere assolutamente niente in comune. Semplicemente abbassando la guardia, e fidandoci del nostro cuore.
  • quanto i nostri idoli, visti da vicino possano essere molto meno ideali ed esemplari di quello che pensavamo, persino odiosi… e sapendolo, non vogliamo più imitarli, anzi sentiamo di doverli combattere. (è un’altro tipo di emancipazione dai nostri modelli.

Infatti è un film molto realistico, anche se è solo un cartone animato e parla di una casa volante, di cani parlanti… parla di amore, di amicizia, del mondo nuovo che si mangia quello vecchio, di un uomo anziano senza famiglia e di un bambino il cui padre è troppo occupato con il suo lavoro.

La mia conclusione positiva è che dimostra che si può fare, che se siamo attenti e se seguiamo il nostro cuore invece di ascoltare sempre le obiezioni che trova e troverà la mente, possiamo essere felici con quello che abbiamo, usandolo come punto di partenza anche se non abbiamo più quello che pensavamo che ci avrebbe reso felici.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Cosa vi ha colpito?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

La palestra dell’autostima (2021)

La palestra dell’autostima (2021)

Questa settimana voglio parlarvi del libro La palestra dell’autostima. Sette passi per conquistare il rispetto che meriti, di Gabrielle Fellus, un libro che insegna e invita a difendersi in ogni situazione, proporzionatamente, da ogni maltrattamento, che sia verbale, mentale o fisico.

il naufrago

il naufrago

Dicono che c’era una volta un naufrago che aveva perso tutto, quando, dopo una terribile tempesta, la nave su cui si trovava era affondata in mezzo al nulla ed al mattino era riuscito a nuotare e a mettersi in salvo su un’isola deserta.

Le stagioni dell’anima (2022)

Le stagioni dell’anima (2022)

Questa settimana voglio parlarvi di un libro di quest’anno, di Sharon M. Koenig, Le stagioni dell’anima. 7 passi per scoprire il senso della tua vita, un libro di spiritualità semplice e pratico, che offre risposte alle domande che ci facciamo sempre di più in questo periodo.

l’imperatore e lo yogi

l’imperatore e lo yogi

Dicono che c’era una volta un grande imperatore che, in viaggio per le sue terre sentì parlare di un monaco che era molto saggio e pensò che gli farebbe comodo averlo con lui a corte e così andò a cercarlo.

siamo tutti speciali

siamo tutti speciali

Spesso, quando parliamo con conoscenti e amici dei nostri problemi ci sentiamo diversi, perchè a noi succedono cose che a loro non sono successe e viceversa. Spesso questo finisce con un incomprensione o quel che è peggio con un confronto in cui qualcuno deve uscire vencitore perchè sta meglio o peggio.

La sottile arte di fare quello che c***o ti pare (2017)

La sottile arte di fare quello che c***o ti pare (2017)

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di di Mark Manson, La sottile arte di fare quello che c***o ti pare. Il metodo scorretto (ma efficace) per liberarsi da persone irritanti, falsi problemi e rotture di ogni giorno e vivere felici, una guida per smettere di cercare la felicità là dove non possiamo trovarla.