Coco (2017)

Oggi voglio Oggi voglio parlare di un’altro film di animazione meraviglioso, Coco, una storia ambientata nella notte dei morti, una delle tradizioni messicane che più ho sempre adorato… per i suoi colori, per la musica e per il modo in cui vedono la famiglia e il loro concetto di eternità

Il film racconta la storia di un ragazzino che vuole diventare musicista, in una famiglia in cui tutti odiano la musica. Il nonno della sua nonna abbandonò la moglie e la figlia per andare a fare il musicista e la nonna di sua nonna decise di eliminare la musica dalla sua vita e tramandò questa decisione a tutta la sua famiglia. E tutti, di generazione in generazione, rispettarono la sua decisione.

Al momento vivono insieme la bisnonna, molto anziana e ormai un po’ andata, la nonna, matriarca che gestisce la famiglia e una serie di zii e cugini, grandi e piccoli che lavorano insieme e ubidiscono senza questionare nulla, per rispetto. Finchè il piccolo Miguel sente il bisogno di suonare e cantare… anche andando contro le regole della nonna. E riesce a tenerlo nascosto fino alla notte dei morti, in cui decide di uscire allo scoperto.

Non riuscendo a farsi prestare una chitarra, prova a prenderne una dal cimitero e visto che è quella sera speciale finisce per fare un giro nel paese dei morti. In cui conosce meglio i suoi antenati, i segreti della sua famiglia e come funziona l’aldilà secondo la tradizione messicana.

Ma, soprattutto, scopre che molte cose non erano come credeva, come gli avevano sempre raccontato o come si era immaginato. Scopre il dolore dietro alla proibizione della trisnonna. E scopre persino cose che nemmeno lei sapeva. E, alla fine, trova il modo per riapacificare la sua famiglia con la musica…

Quello che mi ha colpito di più è come questa storia rifletta fedelmente:

  • il modo in cui funzionano le cose nella mente e nell’universo, secondo come lo vedo io, come tutto è collegato in qualche modo e non sempre è quello che pensiamo;
  • come le rinunce ci impoveriscono sempre e accettare ogni parte di noi è sempre meglio, e la strada più corta verso la felicità è la pienezza;
  • come tutto può cambiare, con curiosità, amore, perdono e comprensione, indipendentemente di tutto quello che è successo, di quello che ci ha portato dove siamo, possiamo sempre cambiare strada e andare da un’altra parte…

L’avete visto? Vi è piaciuto? Cosa vi ha colpito di più?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Words and Pictures (2013)

Words and Pictures (2013)

Questa settimana ho letto su facebook che qualcuno aveva visto Words and Pictures, con Clive Owen e Juliette Binoche, e mi sono incuriosita, l’ho visto su rayplay e mi è proprio piaciuto. Un film che fa riflettere sull’importanza delle parole e delle immagini.

la bestia è in noi

la bestia è in noi

Molti, quando parlo della bestia, si irrigidiscono e dicono “io non sono una bestia, io sono una persona educata”, martedì al nostro prossimo incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, vedremo come in realtà la bestia è un archetipo che si può trovare in ognuno di noi.

confusione di ruoli

confusione di ruoli

Una delle cause più importanti, secondo la mia esperienza personale e come coach la più importante in assoluto, della maggior parte dei problemi relazionali che troviamo in tutti i nostri rapporti è quella che possiamo chiamare “la confusione di ruoli”.

la stessa storia

la stessa storia

Dicono che c’era una volta un maestro che fu scelto per fare un discorso ai nuovi ragazzi appena arrivati nel monastero. Erano giovani e ancora molto condizionati dal mondo esterno e dalle credenze con cui erano cresciuti perciò era una grande responsabilità.

Un amico straordinario (2019)

Un amico straordinario (2019)

La settimana scorsa, mentre cercavo il trailer di Big ho trovato questo film di Tom Hanks che mi era sfuggito quando era uscito: Un amico straordinario, un film che racconta una storia vera, la storia di Fred Rogers, personaggio televisivo amato dai bambini negli Stati Uniti.

cavalcare la tigre

cavalcare la tigre

La settimana scorsa abbiamo parlato della terapia narrativa come un modo di viaggiare nel tempo ma, forse sarebbe più accurato ancora parlare di questi esercizi come di viaggi nella nostra immaginazione.

i nostri maestri

i nostri maestri

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.