non voglio saperlo

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, parleremo di uno dei maggiori nemici del nostro percorso di crescita e consapevolezza, il “non lo so ma non voglio saperlo”.

L’ho sentito dire mille volte. Quando le donne si lamentano dei loro mariti o dei figli. Quando in ufficio ci si lamenta del capo o dei colleghi o quando qualcuno dice “capitano tutti a me“.

Come coach, ma anche come amica, so che l’unico modo per aiutare una persona a risolvere i suoi problemi è farle delle domande perché possa capire meglio la situazione, perchè possa trovare o creare una strategia utile. E la prima domanda che mi viene naturale fare è “sai perchè?”

Molte volte mi sento dire che non importa, che uno sbaglio è uno sbaglio e tutto il resto sono scuse, e non si rendono conto che così si fermano al livello più superficiale in cui niente può essere compreso e tanto meno cambiato.

E non si rendono conto di quanto male si infliggono da soli. Convinti di essere nel giusto, di avere ragione, di sapere tutto quel che serve. Peccato che quel Tutto che sanno non sia utile per risolvere tutti i loro problemi perchè, in fondo, è un tutto limitato.

Non si rendono conto che questo è un atteggiamento infantile, per niente adulto o genitoriale, superbo e inutile, ed è per questo che ci fa sempre sentire deboli e indifesi. Ma dipende da noi.

Il mio invito possitivo di oggi è a cercare sempre di capire, di vedere la realtà anche quando va contro tutte le nostre aspettative, contro le nostre idee, contro quello che vogliamo. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.