cosa c’è sotto?

In questi giorni, da quando è iniziato tutto questo casino con il virus, la quarantena, ecc., ognuno ha tratto le sue conclusioni e ognuno ha tirato fuori il meglio, o il peggio, di sè. C’è chi ha visto un grave pericolo, chi ha visto diversi complotti e chi ha visto un’opportunità da sfruttare.

La differenza fra gli uni e gli altri è semplice. Dipende da cosa hanno dentro. Quando traiamo conclusioni andiamo a cercare quello che abbiamo dentro. E dentro c’è quello che ci abbiamo messo in passato e quello che mettiamo in ogni momento.

Per poter approfondire la lettura dei fatti esterni, dobbiamo per forza scendere nella nostra spirale e cercare dentro di noi. E vengono fuori il nostro dolore, le nostre paure, tutte le nostre credenze più profonde.

In fondo, le paure sono legate a credenze di vulnerabilità e si portano dietro la sfiducia e il bisogno di protezione ad ogni costo. Il dolore, se non va gestito, alimenta queste credenze fino a farci sentire soli e separati da tutto il resto del mondo che confabula contro di noi.

Per brutto che possa sembrare quello che abbiamo dentro, è sempre meglio saperlo. Non è una cosa brutta o sbagliata, non è una cosa da evitare, ignorala è la cosa più facile. Anzi, come tutte le crisi nasconde un’opportunità. Osservandole Possiamo cambiarle se non si dimostrano “vere”, realistiche.

La buona notizia è che possiamo sempre iniziare a dubitare di ogni nostro pensiero, ad appliccare tecniche come il R.A.D.A.R. o altre, per poter capire meglio cosa stiamo proiettando sul mondo e cambiarlo se non ci piace.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.