Come Smettere di Farsi le Seghe Mentali (2003)

Nel suo libro Come smettere di farsi le seghe mentali e godersi la Vita, il geniale Giulio Cesare Giacobbe, ci spiega le basi della psicologia transazionale con uno stile fresco e irriverente, simpatico e ironico.

La psicologia transazionale ci spiega molte cose sui rapporti, le dinamiche, le relazioni e le situazioni che viviamo. In questo lirbo parla di una delle sue basi è l’esistenza di tre “stati dell’io” (per intenderci è come se fossero tre tipi di personalità) che convivono in ognuno di noi.

  • L’io bambino, bisognoso e desideroso di piacere, ma incapace di ottenerlo da solo, perciò dipendente dagli altri per poter ottenerlo.
  • l’io adulto, che sa quello che vuole e lo prende. Non dipende da nessuno, può fare accordi ma può anche decidere di smettere di rispettarli.
  • l’io genitore, in grado di prendersi cura di altri e di sacrificarsi per loro, senza chiedere niente in cambio per il puro piacere di aiutarli.

Questa teoria psicologica definisce ogni comunicazione una transazione e ci aiuta a capire perchè tante volte non funzionano. Una persona sana sceglie in ogni occasione da quale stato parlare e un nevrotico usa sempre solo uno di questi stati.

P.s. Secondo Giacobbe la percentuale di nevrotici è sopra il 90% delle persone che incontriamo 😉

L’avete letto? No? Leggetelo e ditemi se vi piace…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un'altra persona, prima o poi quella persona la distruggerà.

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.