Come Smettere di Farsi le Seghe Mentali (2003)

Nel suo libro Come smettere di farsi le seghe mentali e godersi la Vita, il geniale Giulio Cesare Giacobbe, ci spiega le basi della psicologia transazionale con uno stile fresco e irriverente, simpatico e ironico.

La psicologia transazionale ci spiega molte cose sui rapporti, le dinamiche, le relazioni e le situazioni che viviamo. In questo lirbo parla di una delle sue basi è l’esistenza di tre “stati dell’io” (per intenderci è come se fossero tre tipi di personalità) che convivono in ognuno di noi.

  • L’io bambino, bisognoso e desideroso di piacere, ma incapace di ottenerlo da solo, perciò dipendente dagli altri per poter ottenerlo.
  • l’io adulto, che sa quello che vuole e lo prende. Non dipende da nessuno, può fare accordi ma può anche decidere di smettere di rispettarli.
  • l’io genitore, in grado di prendersi cura di altri e di sacrificarsi per loro, senza chiedere niente in cambio per il puro piacere di aiutarli.

Questa teoria psicologica definisce ogni comunicazione una transazione e ci aiuta a capire perchè tante volte non funzionano. Una persona sana sceglie in ogni occasione da quale stato parlare e un nevrotico usa sempre solo uno di questi stati.

P.s. Secondo Giacobbe la percentuale di nevrotici è sopra il 90% delle persone che incontriamo 😉

L’avete letto? No? Leggetelo e ditemi se vi piace…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

I lunedì al sole (2002)

I lunedì al sole (2002)

Questa settimana, in questo clima di desunione che sembra stia toccando picchi molto forti, mi sono guardata I lunedì al sole, un film spagnolo che parla di un paese distrutto da una crisi economica settoriale.

chiusi dentro

chiusi dentro

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per la prima volta online, parleremo di come ci fa sentire questo clima di chiusura, física e mentale che ci sta avvolgendo sempre di più.

si salvi chi può

si salvi chi può

In questi giorni di DCPM e misure anti COVID, di gente che ci crede e gente che continua a fare domande, in cui tanti accusano gli altri di essere i colpevoli di questa situazione, l’unica cosa chiara che riesco a tratte è che siamo al “si salvi chi può”.