avere ragione o essere amici?

Venerdì, mentre eravamo al parco a festeggiare la fine della scuola, ho avuto possibilità di fare una piccola prova delle mie tecniche di mediazione per fare pace, ed è stato bellissimo… con bambini di undici anni è tutto più semplice e vi spiegherò perchè… Il fatto è che avere ragione non ha lo stesso significato per i bambini che per gli adulti.

Vi racconto cos’è successo. Due bambini avevano “litigato” per una cavolata e mi sono offerta per aiutare, per mediare tra le loro verità… e, come dicevo, è stato molto facile. Hanno parlato e ascoltato rispettando i turni, attentamente. Ognuno ha ribadito il proprio punto di vista, ammettendo di avere voglia di avere ragione, ma, quando ho chiesto loro direttamente se era più importante vincere nella discussione o essere amici… hanno scelto di continuare a giocare, hanno dimenticato subito la discussione e sono corsi via… Comunque, dopo poco, hanno litigato di nuovo e qualcuno è corso a chiamarmi

Questo mi ha dimostrato per l’ennesima volta che i bambini sono più saggi di noi adulti. Hanno più intelligenza emotiva, consapevolezza e chiarezza sulle loro priorità. Ma, soprattutto, mi ha fatto notare un’aspetto sull’avere ragione e sul cambiare idea…

La difficoltà per cambiare idea o ammettere di non avere ragione è più grande quanto più tempo abbiamo investito in quella ragione o idea.

La buona notizia è che prima iniziamo, prima ne siamo consapevoli, prima ci facciamo la fatidica domanda “preferisco avere ragione o risolvere il problema?” più semplice e facile (o meno complicato e difficile) sarà fare il passo indietro… per poter cambiare strada e costruire il mondo che vorremmo a lungo termine. E, anche, prima smettiamo di impuntarci sull’avere ragione… più tempo dedicheremo ad essere felici (con gli amici).

A voi è mai capitato? Cosa ne dite? Conoscete qualcuno che abbia un tale bisogno di avere ragione da allontanare gli altri? Ditemi, aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.

Ho mangiato abbastanza (2017)

Ho mangiato abbastanza (2017)

Questa settimana, ho letto Ho mangiato abbastanza. Come ho perso 60 chili con la meditazione (e altri segreti), di Giorgio Serafini Prosperi, un libro molto interessante sul peso e sul cibo, ma aoprattutto sul perchè le diete non funzionano, perchè sono un approccio troppo superficiale.