memorie di una vita, o di quattro vite…

In psicobiologia si dice che tutti i nostri problemi si devono ad un conflitto fra la realtà e il nostro concetto di come essa dovrebbe essere, come abbiamo visto nel post una vita di conflitti. E questo concetto di come dovrebbe essere il mondo dipende dalle nostre memorie, ma non solo quelle conscie, anche quelle inconsce, ed è li si complica la cosa.

Per sopravvivere, e per raggiungere quella che è la nostra missione nella vita, quella che ci siamo posti prima di nascere (come ho già spiegato nel post scuola vacanza sulla terra), noi ci affidiamo alle memorie e informazioni, che abbiamo accumulato, su come ha funzionato il mondo fino ad oggi, convinti che possano essere utili per prevedere come funzionerà domani.

Spesso mi dicono, “ma io non ho mai vissuto niente del genere, non posso avere quella memoria…” La spiegazione sta nel fatto che con “nostra vita” si intenda qualcosa di molto più esteso di quello che pensiamo normalmente, giacchè comprende quattro periodi:

  1. la nostra vita, come la conosciamo noi, dal giorno in cui siamo nati. Abbiamo accumulato informazioni su quello che succedeva attorno a noi, anche se non sempre erano corrette.
  2. la gravidanza, dentro a nostra mamma abbiamo vissuto un’altra vita che è iniziata con il concepimento e finita con la nascita. Anche in quel periodo abbiamo accumulato informazioni, di quello che succedeva attorno a lei e in quel momento era lei (le sue emozioni) un aiuto per interpretare ciò che succedeva. Anche se, anche qui, a volte le informazioni erano incorrette
  3. la vita precedente delle nostre cellule, se pensiamo che siamo nati per divisione da cellule dei nostri genitori, capiamo che le nostre cellule prima di essere nel nostro corpo erano in quello dei nostri genitori, e prima ancora in quello dei nonni, ecc. Questa si chiama memoria transgenerazionale e viene accumulata nel DNA, per proteggere i futuri individui della famiglia.
  4. la vita precedente della nostra anima, che prima di entrare in quello esserino appena concepito, aveva vissuto altre storie.

E questo spiega tante cose inspiegabili in altri modi o, almeno, apre una porta ad una spiegazione plausibile… che ne pensate?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.

Detachment il distacco (2011)

Detachment il distacco (2011)

Ieri ho visto un film statunitense del 2021, Old, con cui ho rifflettuto tanto su tanti aspetti. La storia di una famiglia, una coppia di genitori con due figli piccoli, che va in vacanza in un posto paradisiaco e meraviglioso, trovato su internet, per rilassarsi e stare un po’ insieme tutti e quattro.

a come astrologia e archetipi

a come astrologia e archetipi

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è astrologia, dal momento che parliamo spesso delle diverse voci che abbiamo nella testa e l’astrologia psicologica può aiutarci a capirle e integrarle.