memorie di una vita, o di quattro vite…

In psicobiologia si dice che tutti i nostri problemi si devono ad un conflitto fra la realtà e il nostro concetto di come essa dovrebbe essere, come abbiamo visto nel post una vita di conflitti. E questo concetto di come dovrebbe essere il mondo dipende dalle nostre memorie, ma non solo quelle conscie, anche quelle inconsce, ed è li si complica la cosa.

Per sopravvivere, e per raggiungere quella che è la nostra missione nella vita, quella che ci siamo posti prima di nascere (come ho già spiegato nel post scuola vacanza sulla terra), noi ci affidiamo alle memorie e informazioni, che abbiamo accumulato, su come ha funzionato il mondo fino ad oggi, convinti che possano essere utili per prevedere come funzionerà domani.

Spesso mi dicono, “ma io non ho mai vissuto niente del genere, non posso avere quella memoria…” La spiegazione sta nel fatto che con “nostra vita” si intenda qualcosa di molto più esteso di quello che pensiamo normalmente, giacchè comprende quattro periodi:

  1. la nostra vita, come la conosciamo noi, dal giorno in cui siamo nati. Abbiamo accumulato informazioni su quello che succedeva attorno a noi, anche se non sempre erano corrette.
  2. la gravidanza, dentro a nostra mamma abbiamo vissuto un’altra vita che è iniziata con il concepimento e finita con la nascita. Anche in quel periodo abbiamo accumulato informazioni, di quello che succedeva attorno a lei e in quel momento era lei (le sue emozioni) un aiuto per interpretare ciò che succedeva. Anche se, anche qui, a volte le informazioni erano incorrette
  3. la vita precedente delle nostre cellule, se pensiamo che siamo nati per divisione da cellule dei nostri genitori, capiamo che le nostre cellule prima di essere nel nostro corpo erano in quello dei nostri genitori, e prima ancora in quello dei nonni, ecc. Questa si chiama memoria transgenerazionale e viene accumulata nel DNA, per proteggere i futuri individui della famiglia.
  4. la vita precedente della nostra anima, che prima di entrare in quello esserino appena concepito, aveva vissuto altre storie.

E questo spiega tante cose inspiegabili in altri modi o, almeno, apre una porta ad una spiegazione plausibile… che ne pensate?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.