crisi

14 Jul 21

Vi siete mai accorti che le cose che mettono in crisi le persone non sono sempre le stesse? Quando parlate con un amico e gli raccontate i vostri problemi e loro riescono a vederli con calma e a offrirvi una soluzione perchè non vedono il problema? Non è solo perchè Ci sono situazioni che ci bloccano e non sono le stese per tutti.

Martedì prossimo, all nostro incontro dal vivo di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica parleremo delle cose che ci mandano in crisi, a ognuno di noi, e di perchè non sono le stese per tutti, perchè c’entrano più con il passato che con il presente, e il passato di ognuno è diverso.

Un po’ per la nostra storia, per le cose che sono successe e quelle che non  sono successe, ma  soprattutto per come le abbiamo vissute, registrate, e per come ce le raccontiamo. Perchè, in fondo, il modo in cui ci raccontiamo le cose moltiplica quello che è successo.

La brutta notizia è che ci insegnano ad aggiungere al nostro racconto un sacco di cose che non c’entrano niente con noi, emozioni e pensieri imposti dalla famiglia, dagli amici, dalla scuola, dalla società, desideri impossibili che si travestono da bisogni e ideali irraggiungibili.

La buona notizia è che possiamo cambiare in ogni momento, che possiamo uscire dai circoli viziosi della nostra vita e costruire circoli virtuosi, ma prima dobbiamo cambiare il modo in cui ci raccontiamo il mondo, in cui parliamo di noi stessi. E ogni crisi che abbiamo è un’opportunità per cambiare, per adattare meglio il nostro personaggio al mondo in cui viviamo.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri eventi, e non solo, anche a cambiare il modo in cui affrontiamo le nostre crisi. A capire che siamo molto più di quello che crediamo di essere, e a comprendere che perchè le cose cambino nel mondo esterno, dobbiamo prima cambiare il mondo in cui le vediamo e le pensiamo. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.