crisi

Vi siete mai accorti che le cose che mettono in crisi le persone non sono sempre le stesse? Quando parlate con un amico e gli raccontate i vostri problemi e loro riescono a vederli con calma e a offrirvi una soluzione perchè non vedono il problema? Non è solo perchè Ci sono situazioni che ci bloccano e non sono le stese per tutti.

Martedì prossimo, all nostro incontro dal vivo di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica parleremo delle cose che ci mandano in crisi, a ognuno di noi, e di perchè non sono le stese per tutti, perchè c’entrano più con il passato che con il presente, e il passato di ognuno è diverso.

Un po’ per la nostra storia, per le cose che sono successe e quelle che non  sono successe, ma  soprattutto per come le abbiamo vissute, registrate, e per come ce le raccontiamo. Perchè, in fondo, il modo in cui ci raccontiamo le cose moltiplica quello che è successo.

La brutta notizia è che ci insegnano ad aggiungere al nostro racconto un sacco di cose che non c’entrano niente con noi, emozioni e pensieri imposti dalla famiglia, dagli amici, dalla scuola, dalla società, desideri impossibili che si travestono da bisogni e ideali irraggiungibili.

La buona notizia è che possiamo cambiare in ogni momento, che possiamo uscire dai circoli viziosi della nostra vita e costruire circoli virtuosi, ma prima dobbiamo cambiare il modo in cui ci raccontiamo il mondo, in cui parliamo di noi stessi. E ogni crisi che abbiamo è un’opportunità per cambiare, per adattare meglio il nostro personaggio al mondo in cui viviamo.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri eventi, e non solo, anche a cambiare il modo in cui affrontiamo le nostre crisi. A capire che siamo molto più di quello che crediamo di essere, e a comprendere che perchè le cose cambino nel mondo esterno, dobbiamo prima cambiare il mondo in cui le vediamo e le pensiamo. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

Modelli di famiglia (2001)

Modelli di famiglia (2001)

Questa settimana, ho letto di nuovo un libro di Giorgio Nardone, Modelli di famiglia, un libro meraviglioso sui rapporti all’interno delle famiglie e sui loro sviluppo e come condiziona la vita di ogni uomo, di ogni donna, dei genitori, e dei figli, sia all’interno della famiglia che all’esterno nei rapporti con gli altri.

i minatori

i minatori

Dicono che c’era una volta un maestro molto amato dai bambini per le sue spiegazioni e per i suoi esempi, spesso preferivano ascoltare le sue storie anche durante la ricreazione, invece di giocare a pallone. Un giorno i bimbi parlavano di potere e gli chiesero chi erano le persone più potenti in assoluto.

Basta dirlo (2021)

Basta dirlo (2021)

Anche questa settimana, ho letto un libro di Wayne Dyer,  questa volta è stato un libro di cui avevo visto un documentario perchè hanno fatto anche il DVD: Il cambiamento. Dall’ambizione al senso della vita. Viaggio spirituale alla ricerca dello scopo dell’esistenza.