fregati dall’ideale

Vi siete mai fermati a pensare a quante volte nella nostra vita abbiamo rincorso ideali senza renderci conto che erano, per noi, completamente irraggiungibili. E di quanta frustrazione, sofferenza e tristezza ci siamo provocati da soli in questo modo.

Fin da piccoli ci hanno detto come dovrebbe essere il mondo, le cose e le persone. E, soprattutto, come dovremmo essere noi, come dovremmo comportarci e come dovremmo reagire agli stimoli.

Iniziando dalla famiglia, continuando dalla scuola e poi da ogni mezzo di comunicazione che ha la società, dalla pubblicità alle leggi e i regolamenti. Tutti parlano di ideali irraggiungibili. A volte persino in contrapposizione fra di loro. E poi il mondo si divide in chi ci crede e ci prova ad ogni costo, e chi ha capito che sono una fregatura e vive nella realtà.

Con questo non dico che gli ideali non abbiano alcun valore, anzi, gli ideali sono importanti come i valori, ma non devono confondersi con la realtà. L’ideale è non divorziare, ma se tuo marito col tempo diventa violento e ti fa del male, sarebbe meglio farlo. L’ideale è, per gli adulti, avere una autosuficienza economica, ma se hai bisogno di aiuto, sarebbe meglio chiederlo.

E, ripeto, non sto parlando di fregare gli altri ma di smettere di fregare noi stessi e di metterci i bastoni tra le ruote per diventare qualcosa che non siamo, come le ragazzine ridotte alle ossa per raggiungere un ideale di bellezza malato e svilente, o gli uomini d’affari che solo alla fine dei loro giorni si accorgono di avere solo accumulato soldi e piaceri ma di non aver vissuto e di non avere mai avuto vera gioia.

Oggi voglio darvi una buona notizia, possiamo smettere quando vogliamo, in qualsiasi momento, non è mai troppo tardi! Perchè, se qualcosa è impossibile… è anche inneccessaria.

Il mio invito possitivo di oggi è a provare a cambiare, poco a poco, a cercare fra le cose possibili e raggiungibili quella più consona con i nostri ideali, tutti. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.

il diavolo e il cavallo

il diavolo e il cavallo

Dicono che c’era una volta un paese in cui tutti erano molto litigiosi, si dice che era un posto così terribile che, il diavolo, quando voleva prendersi una vacanza dall’inferno e vivere sulla terra, si faceva una passeggiata nelle loro strade.