fregati dall’ideale

Vi siete mai fermati a pensare a quante volte nella nostra vita abbiamo rincorso ideali senza renderci conto che erano, per noi, completamente irraggiungibili. E di quanta frustrazione, sofferenza e tristezza ci siamo provocati da soli in questo modo.

Fin da piccoli ci hanno detto come dovrebbe essere il mondo, le cose e le persone. E, soprattutto, come dovremmo essere noi, come dovremmo comportarci e come dovremmo reagire agli stimoli.

Iniziando dalla famiglia, continuando dalla scuola e poi da ogni mezzo di comunicazione che ha la società, dalla pubblicità alle leggi e i regolamenti. Tutti parlano di ideali irraggiungibili. A volte persino in contrapposizione fra di loro. E poi il mondo si divide in chi ci crede e ci prova ad ogni costo, e chi ha capito che sono una fregatura e vive nella realtà.

Con questo non dico che gli ideali non abbiano alcun valore, anzi, gli ideali sono importanti come i valori, ma non devono confondersi con la realtà. L’ideale è non divorziare, ma se tuo marito col tempo diventa violento e ti fa del male, sarebbe meglio farlo. L’ideale è, per gli adulti, avere una autosuficienza economica, ma se hai bisogno di aiuto, sarebbe meglio chiederlo.

E, ripeto, non sto parlando di fregare gli altri ma di smettere di fregare noi stessi e di metterci i bastoni tra le ruote per diventare qualcosa che non siamo, come le ragazzine ridotte alle ossa per raggiungere un ideale di bellezza malato e svilente, o gli uomini d’affari che solo alla fine dei loro giorni si accorgono di avere solo accumulato soldi e piaceri ma di non aver vissuto e di non avere mai avuto vera gioia.

Oggi voglio darvi una buona notizia, possiamo smettere quando vogliamo, in qualsiasi momento, non è mai troppo tardi! Perchè, se qualcosa è impossibile… è anche inneccessaria.

Il mio invito possitivo di oggi è a provare a cambiare, poco a poco, a cercare fra le cose possibili e raggiungibili quella più consona con i nostri ideali, tutti. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

nuotare

nuotare

Dicono che c’era una volta un dotto professore, uno dei luminari più importanti del mondo, che veniva spesso invitato a tenere lezioni in tante università e circoli, era stato persino candidato al premio Nobel.

Torno indietro e cambio tutto (2015)

Torno indietro e cambio tutto (2015)

Oggi voglio parlarvi di un’altra commedia italiana vista su amazon premiun, Torno indietro e cambio tutto, con Raoul Bova, che racconta la storia di due amici che, insoddisfatti delle proprie vite, sperano di tornare indietro di vent’anni…

paure contrapposte

paure contrapposte

Ieri, nel nostro secondo incontro dopo il lockdown, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e con il sottotitolo “smontando fake news, falsi miti e falsi bisogni” abbiamo continuato a parlare di protezione, sicurezza e paure.

non capisco

non capisco

Oggi vorrei riflettere insieme a voi sul significato e l’uso di un paio di parole che, in molti casi, anche se potrebbero aiutarci ad uscire dai problemi e, tendono a farci sprofondare sempre di più: “non capisco”.