essere limitato o avere limiti

La prossima settimana continueremo a parlare delle ragioni per cui non riusciamo a fare quello che vorremmo. In questo prossimo incontro, partiremo dalla domanda con cui abbiamo chiuso l’ultimo. Quando non riesci a fare le cose che vorresti, è per come sei (o non sei) o per quello che hai (o non hai).

Questo è un esercizio di osservazione per capire meglio come funzionano i nostri pensieri per poterli comprendere e cambiare per ottenere quello che vogliamo. Si tratta di ascoltare come raccontiamo la nostra propria storia, perchè uno dei modi più economici in tempo e denaro per cambiarla è iniziare a cambiare come la raccontiamo.

Il gioco dell’essere o avere è un esercizio per ridurre il peso delle limitazioni. Se io penso che non posso ottenere qualcosa perchè “sono” o “non sono“, in un certo modo, questa limitazione ha un peso specifico molto alto. Se, invece, penso di non potere ottenere o fare qualcosa perchè “ho“, o “non ho“, certe caratteristiche, certe limitazioni, certe circostanze… mi è più facile immaginare di cambiarle.

Un esempio pratico banalissimo, posso dire che “sonotroppo grasso, e questa parola, come tutto quello che scrivo dopo la parola “io sono” avrà un peso tale che non mi lascierà pensare di poterlo cambiare, o che “hotroppi chili in più rispetto al peso ideale. In ogni caso sto dicendo la stessa cosa ma nel primo non sembra che io lo possa cambiare, nel secondo si vede che è qualcosa che ho, che ho acquisito, e che… come li ho accumulati li posso perdere. Non preferisco la seconda opzione perchè sia più o meno vera, ma perchè mi limita di meno.

Se riusciamo a trovare un modo di cambiare tutti i “io sono” che ci limitano per dei “io ho” questo problema, questa caratteristica, questa circostanza, saremo più vicini all’uscita e staremo aiutando noi stessi a cambiare, a migliorare, ad evolverci verso il nostro vero io.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Spero di si… se vi va di partecipare, vi aspetto!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

chi sposare

chi sposare

Dicono che c’era una volta, in un regno d’oriente, un ragazzo appena uscito dalla scuola, brillante e deciso, che voleva avere il maggiore successo nella vita. Era stato eccellente da studente e voleva continuare ad esserlo da adulto.

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Non c’è notte che non veda il giorno (2013)

Questa settimana torniamo a parlare di un’altro libro di Giorgio Nardone: Non c’è Notte che Non Veda il Giorno, dedicato alla terapia in tempi brevi per gli attacchi di panico, e la gestione della paura, un problema molto più diffuso di quanto sembra.

Tall Girl (2019)

Tall Girl (2019)

Oggi voglio parlarvi di un film che mi ha consigliato mia figlia piccola, Tall Girl, con una fantastica Ava Michelle che deve imparare a convivere con il suo essere troppo alta per i suoi compagni di liceo, amici e nemici, famigliari…

possibilità

possibilità

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, continueremo a fare il discorso su come ci raccontiamo, sul potere inmenso che abbiamo per definire la nostra vita scegliendo le parole che usiamo per raccontarla, e vedremo dei piccoli “trucchi” per cambiare cose nell’inmediato.