essere limitato o avere limiti

La prossima settimana continueremo a parlare delle ragioni per cui non riusciamo a fare quello che vorremmo. In questo prossimo incontro, partiremo dalla domanda con cui abbiamo chiuso l’ultimo. Quando non riesci a fare le cose che vorresti, è per come sei (o non sei) o per quello che hai (o non hai).

Questo è un esercizio di osservazione per capire meglio come funzionano i nostri pensieri per poterli comprendere e cambiare per ottenere quello che vogliamo. Si tratta di ascoltare come raccontiamo la nostra propria storia, perchè uno dei modi più economici in tempo e denaro per cambiarla è iniziare a cambiare come la raccontiamo.

Il gioco dell’essere o avere è un esercizio per ridurre il peso delle limitazioni. Se io penso che non posso ottenere qualcosa perchè “sono” o “non sono“, in un certo modo, questa limitazione ha un peso specifico molto alto. Se, invece, penso di non potere ottenere o fare qualcosa perchè “ho“, o “non ho“, certe caratteristiche, certe limitazioni, certe circostanze… mi è più facile immaginare di cambiarle.

Un esempio pratico banalissimo, posso dire che “sonotroppo grasso, e questa parola, come tutto quello che scrivo dopo la parola “io sono” avrà un peso tale che non mi lascierà pensare di poterlo cambiare, o che “hotroppi chili in più rispetto al peso ideale. In ogni caso sto dicendo la stessa cosa ma nel primo non sembra che io lo possa cambiare, nel secondo si vede che è qualcosa che ho, che ho acquisito, e che… come li ho accumulati li posso perdere. Non preferisco la seconda opzione perchè sia più o meno vera, ma perchè mi limita di meno.

Se riusciamo a trovare un modo di cambiare tutti i “io sono” che ci limitano per dei “io ho” questo problema, questa caratteristica, questa circostanza, saremo più vicini all’uscita e staremo aiutando noi stessi a cambiare, a migliorare, ad evolverci verso il nostro vero io.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Spero di si… se vi va di partecipare, vi aspetto!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.