perchè parli?

Lo chiedo davvero, non è una domanda non retorica… che, come dicevamo ieri all’evento di facciamo pace, dovremmo farci molto più spesso se vogliamo riprendere in mano la nostra vita, la cocreazione della nostra vita, la corresponsabilità di quello che ci accade. Perchè parliamo quando parliamo?

Perchè, inteso come qual’è l’obiettivo del nostro parlare. Cosa vogliamo ottenere con le nostre parole. Ci basta essere ascoltati? o vogliamo convincere chi ci sta ascoltando? vogliamo ottenere qualcosa dal nostro interlocutore? il suo rispetto, la sua compassione, il suo aiuto, il suo rispetto, la sua complicità?

Questa domanda è molto importante perchè spesso la comunicazione è deludente, ci sentiamo incompresi, perchè non raggiungiamo i nostri obiettivi, ma non siamo abbastanza consapevoli di quali essi erano. Come se il problema fosse la comunicazione, ma in realtà il problema è molto più in profondità.

Ricordo molte situazione della mia vita in cui qualcuno mi diceva “non so come parlarti di questo argomento“, e ho sempre pensato di essere una con cui si poteva parlare di qualsiasi cosa. Ma per loro “parlare di questo argomento” voleva dire convincerti (o obbligarti) a fare quello che io reputo meglio rispetto a questo argomento, anche se tu la pensi in modo contrario.

In quel caso, loro colpevolizzavano me, mi etichettavano come una con cui non si poteva parlare, e io non avevo le risorse per dire loro che il problema non era cercare le parole giuste ma comprendere che se non facevo quello che volevano era perchè avevo delle idee diverse, delle credenze diverse e delle emozioni che mi portavano in altre strade.

Adesso, con quello che so, vi posso assicurare che, anche se il potere delle parole è infinito, per cambiare, bisogna farlo da un livello più profondo, quello delle credenze e quello delle emozioni. Perciò, sia che vogliamo convincere qualcuno a fare qualcosa o che vogliamo cambiare rotta noi stessi, sarà qui che dovremmo agire.

Quale emozione e quali credenze sto trasmettendo, quali sta ricevendo e introiettando il mio interlocutore. Questo è funzionale all’obiettivo della mia communicazione? Se no… cosa posso cambiare?

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.

si stava meglio

si stava meglio

In questi giorni in cui la maggior parte dei miei amici e conoscenti discute sulle misure contro il COVID, tra i commenti su mascherina si o mascherina no, e vaccino si o vaccino no… qualcuno è risucito a tirare fuori il famoso “si stava meglio quando si stava peggio”.

le mucche non danno latte

le mucche non danno latte

Dicono che c’era una volta, in un monsatero, due discepoli che discuttevano, uno proveniva da una famiglia più ricca e, per questa ragione, pretendeva di essere superiore all’altro. Il maestro gli ascoltò e poi disse: Le mucche non danno latte.