perchè parli?

18 Apr 18

Lo chiedo davvero, non è una domanda non retorica… che, come dicevamo ieri all’evento di facciamo pace, dovremmo farci molto più spesso se vogliamo riprendere in mano la nostra vita, la cocreazione della nostra vita, la corresponsabilità di quello che ci accade. Perchè parliamo quando parliamo?

Perchè, inteso come qual’è l’obiettivo del nostro parlare. Cosa vogliamo ottenere con le nostre parole. Ci basta essere ascoltati? o vogliamo convincere chi ci sta ascoltando? vogliamo ottenere qualcosa dal nostro interlocutore? il suo rispetto, la sua compassione, il suo aiuto, il suo rispetto, la sua complicità?

Questa domanda è molto importante perchè spesso la comunicazione è deludente, ci sentiamo incompresi, perchè non raggiungiamo i nostri obiettivi, ma non siamo abbastanza consapevoli di quali essi erano. Come se il problema fosse la comunicazione, ma in realtà il problema è molto più in profondità.

Ricordo molte situazione della mia vita in cui qualcuno mi diceva “non so come parlarti di questo argomento“, e ho sempre pensato di essere una con cui si poteva parlare di qualsiasi cosa. Ma per loro “parlare di questo argomento” voleva dire convincerti (o obbligarti) a fare quello che io reputo meglio rispetto a questo argomento, anche se tu la pensi in modo contrario.

In quel caso, loro colpevolizzavano me, mi etichettavano come una con cui non si poteva parlare, e io non avevo le risorse per dire loro che il problema non era cercare le parole giuste ma comprendere che se non facevo quello che volevano era perchè avevo delle idee diverse, delle credenze diverse e delle emozioni che mi portavano in altre strade.

Adesso, con quello che so, vi posso assicurare che, anche se il potere delle parole è infinito, per cambiare, bisogna farlo da un livello più profondo, quello delle credenze e quello delle emozioni. Perciò, sia che vogliamo convincere qualcuno a fare qualcosa o che vogliamo cambiare rotta noi stessi, sarà qui che dovremmo agire.

Quale emozione e quali credenze sto trasmettendo, quali sta ricevendo e introiettando il mio interlocutore. Questo è funzionale all’obiettivo della mia communicazione? Se no… cosa posso cambiare?

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Into the Wild (2007)

Into the Wild (2007)

Questa settimana voglio parlarvi di un film bello quanto triste che parla di come qualsiasi bell’idea, se portata all’eccesso, può diventare deleteria, Into the Wild del 2007, basata sul libro di Jon Krakauer, Nelle terre estreme.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.