come e quando cambiare?

Ieri all’evento di facciamo pace, abbiamo parlato, come promesso di cambiamento, di quando e come cambiare, nel modo più semplice ed efficace, che è allenandoci poco a poco, dividendo il problema in piccoli problemi e attaccandoli uno ad uno, con un processo continuo che ci renderà sempre più capaci.

Abbiamo anche visto una parola che risponde sia al come che al quando, e che è la risposta sia per il significato della parola in se che per l’acronimo che rappresenta. La parola è ORA. La risposta a quando cambiare è ora, adesso, perchè il presente è l’unico momento che è reale. Il passato e il futuro sono solo illusioni, possono essere molto utili per raccogliere informazioni, ma per attuare bisonga rimanere nel presente.

E l’acronimo ci dice il come:

  • Osservazione – osservando le situazioni, le persone che incontriamo, le tendenze che ripetiamo, le cose che desideriamo, quelle che temiamo, quelle che ci rendono felici e tristi, allontanandoci il più possibile nel tempo o nello spazio per poter percepire altre possibili reazioni.
  • Riflessione – passando oltre alla percezione e cercando di comprendere qual’è il nostro ruolo negli eventi, e come potremo cambiarlo se solo riuscissimo a partire da presuposti diversi.
  • Azionemuovendoci, mettendo in pratica i piani, modificando man mano le nostre parole, azioni, abitudini, ecc. fino a creare per sedimentazione di piccoli cambiamenti, il nostro nuovo io.

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un'altra persona, prima o poi quella persona la distruggerà.

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.