come e quando cambiare?

23 May 18

Ieri all’evento di facciamo pace, abbiamo parlato, come promesso di cambiamento, di quando e come cambiare, nel modo più semplice ed efficace, che è allenandoci poco a poco, dividendo il problema in piccoli problemi e attaccandoli uno ad uno, con un processo continuo che ci renderà sempre più capaci.

Abbiamo anche visto una parola che risponde sia al come che al quando, e che è la risposta sia per il significato della parola in se che per l’acronimo che rappresenta. La parola è ORA. La risposta a quando cambiare è ora, adesso, perchè il presente è l’unico momento che è reale. Il passato e il futuro sono solo illusioni, possono essere molto utili per raccogliere informazioni, ma per attuare bisonga rimanere nel presente.

E l’acronimo ci dice il come:

  • Osservazione – osservando le situazioni, le persone che incontriamo, le tendenze che ripetiamo, le cose che desideriamo, quelle che temiamo, quelle che ci rendono felici e tristi, allontanandoci il più possibile nel tempo o nello spazio per poter percepire altre possibili reazioni.
  • Riflessione – passando oltre alla percezione e cercando di comprendere qual’è il nostro ruolo negli eventi, e come potremo cambiarlo se solo riuscissimo a partire da presuposti diversi.
  • Azionemuovendoci, mettendo in pratica i piani, modificando man mano le nostre parole, azioni, abitudini, ecc. fino a creare per sedimentazione di piccoli cambiamenti, il nostro nuovo io.

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. la palestra della vita ⋆ Amor Ben, ottimizzatrice... - […] che abbiamo appena notato, per rinforzarci ed essere più felici e funzionali, in ogni ORA. E, se v’è bisogno…

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

Paradise (2023) — bis — bis — bis

Paradise (2023) — bis — bis — bis

Questa settimana ho visto un film di animazione bellissimo, su Netflix, L’elefante del mago, una storia sull’ottimismo, sulla speranza, sulla fantasia e la capacità di credere in qualcosa di più grande di noi.