voglia di Natale

La settimana prossima, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, parleremo del Natale, di cosa significa, per ognuno di noi, perchè in fondo, nei nostri incontri, la cosa più importante è scoprire quello che abbiamo dentro e normalmente non vediamo.

Il Natale è un momento molto particolare, di quelli che ognuno vive in un modo diverso e nessuno capisce del tutto come lo vivono gli altri. Ci sono quelli che lo odiano, quelli che lo amano, e pochissimi a cui è del tutto indifferente.

 Io sono una di quelli che lo adorano, adoro il Natale perchè per me è un momento di gioia, di condivisione, di rifflessione sull’amore che ci circonda, poi ci sono anche i regali, che faccio pochi, pensandoli molto bene perchè per me sono proprio quello, dei pensieri, e normalmente sono riciclati perchè ho tante cose di cui non ho più bisogno e che potrebbero essere adatte ad altri.

Il mio fidanzato dice che è una festa per i bambini, infatti, per me è la festa dei bambini che abbiamo dentro. Bambini veri, di quelli che non sono stati ancora contaggiati dai doveri e dai finti bisogni dei grandi. All’incontro rifletteremo su cosa è il Natale per ognuno di Noi e faremo un piccolo esercizio di terapia narrativa dedicato al Natale, al suo vero significato profondo, ai regali e ai possibili atteggiamenti con cui si può affrontare.

Il mio invito possitivo di oggi è a partecipare ai nostri incontri, e a reclamare un Natale come piace a noi, a diffenderlo dalla pubblicità, dalle aspettative e da tutti i messaggi di tutti quelli che vogliono dirci cosa dobbiamo comprare, come dobbiamo vestirci e cosa possiamo o non possiamo festeggiare. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.