voglia di Natale

La settimana prossima, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, parleremo del Natale, di cosa significa, per ognuno di noi, perchè in fondo, nei nostri incontri, la cosa più importante è scoprire quello che abbiamo dentro e normalmente non vediamo.

Il Natale è un momento molto particolare, di quelli che ognuno vive in un modo diverso e nessuno capisce del tutto come lo vivono gli altri. Ci sono quelli che lo odiano, quelli che lo amano, e pochissimi a cui è del tutto indifferente.

 Io sono una di quelli che lo adorano, adoro il Natale perchè per me è un momento di gioia, di condivisione, di rifflessione sull’amore che ci circonda, poi ci sono anche i regali, che faccio pochi, pensandoli molto bene perchè per me sono proprio quello, dei pensieri, e normalmente sono riciclati perchè ho tante cose di cui non ho più bisogno e che potrebbero essere adatte ad altri.

Il mio fidanzato dice che è una festa per i bambini, infatti, per me è la festa dei bambini che abbiamo dentro. Bambini veri, di quelli che non sono stati ancora contaggiati dai doveri e dai finti bisogni dei grandi. All’incontro rifletteremo su cosa è il Natale per ognuno di Noi e faremo un piccolo esercizio di terapia narrativa dedicato al Natale, al suo vero significato profondo, ai regali e ai possibili atteggiamenti con cui si può affrontare.

Il mio invito possitivo di oggi è a partecipare ai nostri incontri, e a reclamare un Natale come piace a noi, a diffenderlo dalla pubblicità, dalle aspettative e da tutti i messaggi di tutti quelli che vogliono dirci cosa dobbiamo comprare, come dobbiamo vestirci e cosa possiamo o non possiamo festeggiare. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.