quale permesso?

10 Mar 21

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, del permesso per fare quel che vogliamo fare, del permesso per dire quel che sentiamo, del permesso per essere noi stessi, e non un’altra copia di un ideale impossibile .

Abbiamo parlato di quelle cose che non ci permettiamo di fare, di dire, di essere, perchè il nostro gruppo di appartenenza non sarebbe d’accordo, non le vedrebbe bene, non accetterebbe. E di come, quando questo succede con cose piccole ci allena a farlo succedere con le cose più grandi, ci fa sentire sempre meno importanti e più piccoli e dipendenti di quel gruppo. In maniera che poi, con le cose grandi, non riusciamo nemmeno ad avere un dubbio, continuiamo sulla strada più trafficata, infelici ma sicuri.

Potremmo dire che ci sono tre tipi di persone:

  • quelli per cui la solita strada va benissimo, fanno tutto quello che si deve fare e sono felici, ma non sono tutti, anzi, molti sembrano felici ma sono solo rassegnati e riescono a vivere abbastanza bene nella famosa zona di comfort;
  • quelli per cui la solita strada è un’insulto, un’offesa, vogliono una strada diagonalmente opposta e lottano contro tutto e tutti per trovarla, anche questi non sono tutti felici della loro scelta, molti possono sembrare felici di essere riusciti a non soccombere, ma nel profondo si sentono soli e persi;
  • e poi ci sono quelli che ci provano in tutti i modi ad entrare nella solita strada ma non ci riescono, e vivono infelici ma sentono di non poter farci niente.

Nei primi due grupi ci sono persone a cui va bene quella scelta e altre che vivrebbero meglio se cambiassero strada, insieme a tutti quelli del terzo, e la scegliessero con più consapevolezza, per non sbagliare questa volta.

l mio invito possitivo di oggi è proprio a capire in quale gruppo ci troviamo, o in quali gruppi perchè potremmo trovarci in un gruppo per quanto riguarda il lavoro e un’altro per quanto riguarda l’amore o il rapporto con il nostro corpo o la famiglia di origine, e provare a pensare cosa potremmo perdere e guadagnare se decidessimo di cambiare strada.Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Into the Wild (2007)

Into the Wild (2007)

Questa settimana voglio parlarvi di un film bello quanto triste che parla di come qualsiasi bell’idea, se portata all’eccesso, può diventare deleteria, Into the Wild del 2007, basata sul libro di Jon Krakauer, Nelle terre estreme.