non so perchè la chiamano zona di comfort…

Mi sono sempre chiesta perchè la chiamano Zona di Comfort, quando si tratta di uno spazio in cui non ci troviamo bene per niente, dovrebbero trovare un’altro nome. Per esempio “zona di sopravvivenza, di conservazione, di salvezza“, “nascondino“, o “freezer“. O, come dicono i bambini quando giocano “casa“.

Mi spiego meglio, la cosidetta zona di comfort è uno spazio protetto inventato dall’ego per tenerci in salvo, per proteggerci e impedirci di combinare guai, di farci del male o persino di morire. Peccato che l’ego ha tre grandi difficoltà: è un fifone, è un po’ masochista ma soprattutto non capisce la differenza fra le cose vere e quelle immaginate. Perciò spesso ci protegge anche della possibilità di migliorare, di guarire, di cambiare.

Vi faccio un esempio con cui capirete subito il mio ragionamento. Quando lavoro con bambini e si prendono una botta, noi offriamo loro il giaccio ma spesso lo rifiutano. Col giaccio starebbero meglio, ma hanno paura del freddo, che peggiori il dolore, come hanno paura che li versiamo del disinfettante o che li tocchiamo con la salviettina per pulirli.

Questa è la zona di comfort, è scegliere il male minore, pensando che dall’altro lato c’è un male maggiore… ma ci tiene lontani dal bene possibile, probabile o improbabile che sia.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.

due piedi

due piedi

La settimana prossima, all'incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, ancora una volta online, il tema sarà la dualità e come gestirla, perchè ci hanno sempre insegnato che dobbiamo fare delle scelte ma a spesso è pìu funzionale trovare...

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.