l’universo

07 Apr 21

Al nostro ultimo incontro di marzo di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato di come possiamo trovare una relazione tra le cose che incontriamo nel mondo fuori di noi e quelle che abbiamo dentro, secondo le leggi dell’Universo.

Abbiamo parlato della legge del Karma e di come quello che seminiamo ci torna, ma a volte non riconosciamo di averlo seminato, in parte per una confusione che abbiamo sul termine “Universo”. Spesso pensiamo che l’Universo sia qualcosa in cui siamo immersi, un po’ come dicevamo del traffico, ma non ci rendiamo conto che anche noi ne facciamo parte.

Per esempio, quando  l’Universo ci invia persone egoiste e che non ci considerano abbastanza, normalmente, il nostro primo pensiero è un qualcosa tipo “non è giusto, io non sono così, io considero sempre tutti e loro non mi considerano”.

Il problema potrebbe essere in quello che noi chiamiamo “considerare tutti” perchè, spesso, vuol dire considerare gli altri e sacrificarci. Se è così, se mandiamo all’Universo il messaggio che alcuni sono sacrificabili e che noi siamo uno di quelli, questo sarà quello che ci ritroveremo questo indietro moltiplicato molte volte.

La buona notizia è che, adesso possiamo capire cosa voleva dire il nostro “ama il tuo prossimo come te stesso” perchè non c’è differenza fra come ci comportiamo con gli altri e con noi stessi. Se, per trattare bene qualcun’altro stiamo trattando male noi, se accettiamo di essere disprezzati o giudicati senza farci valere, o se ci facciamo valere in una maniera esagerata, il risultato è lo stesso.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a comprendere che tutto quel che non ci piace nel nostro mondo esterno rifflette qualcosa che noi stessi stiamo emettendo, che noi stessi stiamo accettando, che stiamo permettendo. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

Nulla al mondo è normale. Tutto ciò che esiste è un frammento del grande enigma.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.