il traffico

22 Dec 20

In questi giorni in cui siamo costantemente bombardati da tutti tipi di informazioni e giudizi positivi e negativi, sulla situazione sul covid, sulle misure del governo, ecc… viene quasi spontaneo e naturale difendersi e difendere il prorio pensiero, spesso penso alla storia del traffico…

Quando diciamo “sono nel traffico” nella mia mente si forma sempre un’immagine del traffico come di un entità, che ci circonda, come se fossimo stati inghiottiti da un gigante ma… in realtà, ogni persona che guida una macchina e ogni passeggero pensa che il gigante sono gli altri.

Spesso i conduttori si lamentano, e arrivano ad urlare gli uni contro gli altri. Si insultano e vedono gli altri come esseri inferiori che sono lì solo per dare loro fastidio, che avrebbero dovuto scegliere un’altro momento dei giorno per uscire. Tutti hanno fretta, tutti sono convinti di avere ragione: c’è chi vuole andare veloce e vede male chi va piano, e c’è chi va piano e patisce la pressione di chi vuole andare veloce.

È uno dei momenti in cui invece di cittadini logici e organizzati, per un attimo diventiamo selvaggi nella giungla, si diconnette la razionalità e si carica la amigdala. Questo potrebbe essere utile se fossimo davvero in una giungla e circondati da pericoli, ma, siamo sono nel traffico e il nostro corpo accumulerà soltanto lo stress finchè lo rilasciamo in un altro modo.

Invece, il traffico siamo anche noi. Siamo parte del problema e non delle vittime innocenti. Noi abbiamo la possibilità di scegliere di essere parte di quel traffico, e se non possiamo evitarlo, almeno possiamo accettarlo con un atteggiamento migliore. E, come noi, ognuna delle persone nelle altre macchine ha il suo stress, i suoi problemi e le sue buone ragioni per essere lì.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a renderci conto della nostra parte di responsabilità. A comprendere che anche noi siamo parte del problema, tanto come gli altri, e non solo, come noi abbiamo una ragione per essere lì, anche loro ce l’hanno. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.