seminare e raccogliere

24 Mar 21

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle cose che permettiamo nella nostra vita, senza pensarci più di tanto, di quelle che permettiamo più che altro per inerzia e degli effetti che questo può avere sulla nostra vita.

Abbiamo parlato della legge del Karma e di come la maggior parte ha sentito solo una parte della storia. La maggior parte della gente parla del Karma come una specie di boia che punisce,che punirà prima o poi, chi si è comportato male.

Questa lettura è giustissima, io stessa affido al karma i miei desideri di vendetta quando qualcuno si comporta male con me, ma è solo la metà della storia. Il Karma è una ruota in cui le cose tornano, se facciamo del male ci torna del male ma anche se facciamo del bene ci torna del bene.

Ma, capiamoci bene, il karma non giudica, come il genio ingenuo di cui avevamo parlato qualche anno fa, il karma è un nome che diamo alla vita che ci da indietro il raccolto che abbiamo seminato. Se siamo stati egoisti, se seminiamo egoismo, ci darà persone egoiste, se siamo stati gentili, se seminiamo gentilezza e troveremo situazioni in cui la gentilezza sarà la parola d’ordine.

La buona notizia è che, adesso che sappiamo come funziona, in ogni momento possiamo cambiare il nostro raccolto cambiando quello che seminiamo, possiamo sfruttarla a nostro favore.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a comprendere che tutto quel che non ci piace nel nostro mondo esterno rifflette qualcosa di noi, qualcosa che abbiamo dentro e che è più facile cambiare quello che abbiamo dentro che quello che abbiamo fuori. Che ne dite? Vi va?

2 Comments

  1. Alessandra

    Chiarissimo….e il tuo invito positivo finale potrebbe essere risolutivo per coloro che sapranno comprenderlo e metterlo in pratica…fiduciosi….grazie

    Reply
    • amorben

      grazie a te!

      Reply

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.