seminare e raccogliere

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle cose che permettiamo nella nostra vita, senza pensarci più di tanto, di quelle che permettiamo più che altro per inerzia e degli effetti che questo può avere sulla nostra vita.

Abbiamo parlato della legge del Karma e di come la maggior parte ha sentito solo una parte della storia. La maggior parte della gente parla del Karma come una specie di boia che punisce,che punirà prima o poi, chi si è comportato male.

Questa lettura è giustissima, io stessa affido al karma i miei desideri di vendetta quando qualcuno si comporta male con me, ma è solo la metà della storia. Il Karma è una ruota in cui le cose tornano, se facciamo del male ci torna del male ma anche se facciamo del bene ci torna del bene.

Ma, capiamoci bene, il karma non giudica, come il genio ingenuo di cui avevamo parlato qualche anno fa, il karma è un nome che diamo alla vita che ci da indietro il raccolto che abbiamo seminato. Se siamo stati egoisti, se seminiamo egoismo, ci darà persone egoiste, se siamo stati gentili, se seminiamo gentilezza e troveremo situazioni in cui la gentilezza sarà la parola d’ordine.

La buona notizia è che, adesso che sappiamo come funziona, in ogni momento possiamo cambiare il nostro raccolto cambiando quello che seminiamo, possiamo sfruttarla a nostro favore.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a comprendere che tutto quel che non ci piace nel nostro mondo esterno rifflette qualcosa di noi, qualcosa che abbiamo dentro e che è più facile cambiare quello che abbiamo dentro che quello che abbiamo fuori. Che ne dite? Vi va?

2 Comments

  1. Alessandra

    Chiarissimo….e il tuo invito positivo finale potrebbe essere risolutivo per coloro che sapranno comprenderlo e metterlo in pratica…fiduciosi….grazie

    Reply
    • amorben

      grazie a te!

      Reply

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nulla al mondo è normale. Tutto ciò che esiste è un frammento del grande enigma.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.