le persone giuste

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo parlato di come portare alla pratica i nostri insegnamenti e riflessioni per vivere nel nuovo paradigma. E una delle cose più importanti è trovare le persone giuste.

Siamo proprio partiti da una richiesta, da qualcosa che premeva a uno dei partecipanti, e abbiamo analizzato il problema dal punto di vista della scuola di pensiero che descrivo in questo blog e nei nostri incontri.

Abbiamo parlato di come cambiare i circoli viziosi in cui ci troviamo spesso in amore, in amicizia, persino al lavoro, in cui anche se una storia finisce e inizia un’altra, sembra solo una puntata diversa dello stesso telefilm, e l’abbiamo spiegato con la teoria del genio ingenuo.

Spesso capita che una situazione si ripete, e possiamo trarre delle conclusioni, e finiamo per dire “sono tutti (o tutte) uguali” o, se abbiamo un pizzico di consapevolezza in più “sembra che me le cerco“. In fondo è proprio così, e una delle cose più importanti da fare per cambiare in profondità è disimparare il modo in cui vediamo gli altri e il valore che diamo all’opinione che hanno di noi.

Quando qualcuno ci lascia, quando si fa lasciare, che sia in amore che in amicizia o persino al lavoro, spesso ci chiediamo cosa avremo dovuto fare di diverso per fare funzionare la relazione. Cosa avremo dovuto fare noi o cosa avrebbe dovuto fare l’altro, cosa sarebbe dovuto succedere… ecc.

Secondo noi tutte queste domande sono sbagliate, le domande giuste sono cosa posso imparare da questo “errore”, quale segnale ho ignorato che stava già avvisando di come sarebbe andata, in che modo mi sono mostrato o in che modo mi sono fatto trattare.

E soprattutto, cosa voglio veramente in questo campo, che sia amore o amicizia, cosa voglio e cosa voglio dare in cambio. Così potremo capire quando incontriamo una persona, se può essere quella giusta o se è già chiaro che non lo è.

C’eravate? Vi è piaciuto? Spero di si e vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando superi le tue paure, ti senti libero...

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.

il diavolo e il cavallo

il diavolo e il cavallo

Dicono che c’era una volta un paese in cui tutti erano molto litigiosi, si dice che era un posto così terribile che, il diavolo, quando voleva prendersi una vacanza dall’inferno e vivere sulla terra, si faceva una passeggiata nelle loro strade.