il genio ingenuo

Ieri all’evento di facciamo pace, come promesso, abbiamo parlato diabbondanza, di come attrarla, gestirla e soprattutto godercela. E abbiamo visto una delle storie che uso spesso per spiegare la legge di attrazione e le vibrazioni a persone che non sono abituate a questi termini, la storia del genio ingenuo.

Abbiamo parlato più volte della legge di attrazione. Si dice che l’universo, la vita, Dio, o come vogliamo chiamarlo, ci invia quello che chiediamo. Ma non è esattamente quello che chiediamo a parole, è più quello che è nella stessa nostra vibrazione, nella stessa nostra lunghezza d’onda. Molti, dopo questa frase, fanno la faccia di “si, già” e preferiscono cambiare argomento. Secondo me è perchè non è affatto chiara la spiegazione.

Siccome a me piacciono le storie, mi sono creata quella del genio ingenuo per spiegarlo in un’altro modo. Secondo questa storia, tutti noi abbiamo a disposizione un genio che ci concede non tre ma tutti i desideri che vogliamo. Ma… c’è sempre un ma… Non capisce le parole, reagisce alle emozioni. Lui sa che possiamo sempre scegliere le emozioni che vogliamo sentire. Anche se noi l’abbiamo dimenticato. E, siccome non giudica, ci invia più cose, persone e situazioni che ci provochino l’emozione scelta.

Dal momento che è ingenuo (si sa che i geni non capiscono quasi mai quello che volevamo) e parte dal presupposto che noi siamo i loro padroni. Non discutte, ci invia quello che chiediamo. E, visto che cambiamo idea così spesso, che cambiamo emozione, le richieste gli arrivano con più forza quanto più tempo le manteniamo.

E, alla fine, in fondo ad ogni emozione c’è sempre una di quelle di base: la paura o l’amore. Persino l’abbondanza, può dipendere dalla nostra paura (ho bisogno di abbondanza per sopravvivere) o dall’amore (mi merito l’abbondanza per condividerla). E sarà più facile da attrarre quando è del secondo tipo.

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.

Detachment il distacco (2011)

Detachment il distacco (2011)

Ieri ho visto un film statunitense del 2021, Old, con cui ho rifflettuto tanto su tanti aspetti. La storia di una famiglia, una coppia di genitori con due figli piccoli, che va in vacanza in un posto paradisiaco e meraviglioso, trovato su internet, per rilassarsi e stare un po’ insieme tutti e quattro.