i limiti della bestia

13 Mar 19

Ad alcuni  fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…

È molto semplice, conosce bene i suoi limiti, sa dosare le sue forze, sa rinunciare a quello di cui non ha bisogno, scegliere le sue battaglie , sa quando insistere e quando mollare, sa come alzarsi con grazia ogni volta che cade.

Non si racconta storie su tutte le cose che vorrebbe fare, che potrebbe voler fare, che dovrebbe voler fare. Semplicemente, vuole, può e fa. A volte senza guardare in faccia nessuno, altre volte prendendosi cura dei più deboli. Si può essere bestiali anche nel voler bene e nel proteggere.

Nell’incontro continueremo il discorso sulle responsabilità che potrebbe durare mesi e lo indirizzeremo verso i limiti. Vedremo fino a che punto arriva la nostra e dove inizia quella degli altri, e analizzeremo alcuni esempi pratici, nell’amicizia, nell’amore, in famiglia e nel lavoro.

Parleremo di come non mettere troppa carne sul fuoco o troppa responsabilità nelle spalle degli altri, e anche di come difenderci quando è qualcun’altro che vuole dare a noi delle responsabilità che non ci appartengono.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Venite e continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.