filtrare le notizie

In questi giorni  continuano ad arrivare messaggi di ogni tipo, su quello che sta sucedendo, nel nostro paese, negli altri paesi, che possono influenzare il nostro stato d’animo dando fuoco alle nostre emozioni più distruttive, come la paura e la rabbia.

Oltre alle normali precauzioni da prendere per difenderci da qualsiasi informazione, tipo passarla per i tre setaggi, per vedere se è una notizia vera, buona e necessaria, dobbiamo farci una domanda in più, ed è se è significativo, rilevante

Ve ne parlo perchè in queste settimane spesso mi è capitato di essere contatta da amici e famigliari in Spagna per controllare la veridicità di alcune notizie su quello che sta sucedendo in Italia. E  anche che amici italiani mi diano delle notizie sulla Spagna di cui i miei familiari in Spagna non mi hanno detto niente.

Si parla quasi esclusivamente di veridicità, come se fosse l’unica caratteristica importante in questo momento in cui girano tante bufale e tante informazioni errate.

Ma, secondo me, c’è una caratteristica ancora più importante che è la rilevanza. Non tutto quello che è vero è importante, e statisticamente significativo.

Se una persona arriva in ritardo una volta non vuol dire che sia un ritardatario. Se perdiamo una battaglia piccola non vuol dire che dobbiamo per forza perdere la guerra.

Dobbiamo fare attenzione quando generalizziamo perchè in questa azione c’è spazio per proiettare molto di quello che abbiamo dentro noi, delle nostre emozioni.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.