filtrare le notizie

In questi giorni  continuano ad arrivare messaggi di ogni tipo, su quello che sta sucedendo, nel nostro paese, negli altri paesi, che possono influenzare il nostro stato d’animo dando fuoco alle nostre emozioni più distruttive, come la paura e la rabbia.

Oltre alle normali precauzioni da prendere per difenderci da qualsiasi informazione, tipo passarla per i tre setaggi, per vedere se è una notizia vera, buona e necessaria, dobbiamo farci una domanda in più, ed è se è significativo, rilevante

Ve ne parlo perchè in queste settimane spesso mi è capitato di essere contatta da amici e famigliari in Spagna per controllare la veridicità di alcune notizie su quello che sta sucedendo in Italia. E  anche che amici italiani mi diano delle notizie sulla Spagna di cui i miei familiari in Spagna non mi hanno detto niente.

Si parla quasi esclusivamente di veridicità, come se fosse l’unica caratteristica importante in questo momento in cui girano tante bufale e tante informazioni errate.

Ma, secondo me, c’è una caratteristica ancora più importante che è la rilevanza. Non tutto quello che è vero è importante, e statisticamente significativo.

Se una persona arriva in ritardo una volta non vuol dire che sia un ritardatario. Se perdiamo una battaglia piccola non vuol dire che dobbiamo per forza perdere la guerra.

Dobbiamo fare attenzione quando generalizziamo perchè in questa azione c’è spazio per proiettare molto di quello che abbiamo dentro noi, delle nostre emozioni.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.