i tre setacci

Dicono che Socrate, che aveva una grande reputazione di saggezza, un giorno ricevete una visita di un uomo che voleva raccontargli una novità su un suo amico.
– Sai cosa ho appena sentito sul tuo amico?
– Un momento – rispose Socrate – Prima che me lo racconti, vorrei farti un test, quello dei tre setacci…

– I tre setacci?

– Eh, sì… – continuò Socrate – Prima di raccontare qualsiasi cosa sugli altri, è bene prendersi il tempo di filtrare ciò che si vorrebbe dire. Io lo chiamo il test dei tre setacci. Il primo setaccio è quello della verità. Sei assolutamente sicuro che quello che stai per dire è vero?

– No… ne ho solo sentito parlare… ma è una notizia proprio succosa, perciò sono subito venuto a raccontartela.

– Molto bene. Quindi non sai se è la verità. Proviamo a vedere se passa dal secondo setaccio, quello della bontà. Quello che vuoi dirmi sul mio amico, è qualcosa di buono?

– Ah no! Al contrario. Proprio per quello sono corso da te, perché tu sappia con chi hai a che fare…

– Dunque, – continuò Socrate – Vuoi raccontarmi brutte cose su di lui e non sei nemmeno certo che siano vere. Forse puoi ancora passare il test, rimane il terzo setaccio, quello dell’utilità, della necessità. E’ utile o necessario che io sappia questa cosa del mio amico?

– No, utile e necessario… non direi, ma…

– Allora – concluse Socrate – se quello che volevi raccontarmi non è né vero, né buono, né utile; perché volevi dirmelo? perchè disturbare la bellezza del silenzio?

 

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

Il metodo Ikigai (2018)

Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.

Il buco (2019)

Il buco (2019)

La prima volta che ho visto qualche immagine di questo film, mi ha infastidito. Poi ho visto qualche recensione e ho pensato di guardarlo, andando oltre la superficie e devo dire che tanto le metafore come il simbolismo mi hanno veramente coinvolta…

empatia consapevole

empatia consapevole

Cercando immagini per rappresentare l’empatia ho trovato questi due fantastici ometti con la scritta “so esattamente come ti senti”. Loro non sono esattamente uguali ma hanno quel che sembra esattamente lo stesso problema.

il demone della rabbia

il demone della rabbia

In questi post dedicati ai demoni abbiamo già parlato del demone della colpa, e di quello della paura, oggi voglio parlarvi di quello della rabbia, un’altro demone molto potente che ci porta a fare cose di cui poi ci pentiamo, così da attrarre gli altri due.