dov’è scritto?

27 Jul 21

L‘altro giorno, su facebook, una mia amica ha chiesto, parlando di pandemia, di COVID e di misure per arginarlo, per capire le fonti di una notizia, non ricordo quale, “dov’è scritto?” Io le ho risposto che secondo me il vero problema non era tanto sapere dov’era scritto ma chi l’aveva scritto.

Ma in questo post non voglio parlare solo di COVID, il mio covid-scetticismo l’ho già lasciato chiaro diverse volte, voglio parlare di fonti, perchè se vogliamo prendere decisioni consapevoli dobbiamo chiederci, su ogni cosa che crediamo, che diamo per buona, chi l’ha detto, quando e perchè.

Ne abbiamo già parlato dell’importanza di filtrare le notizie, rispetto a veridicità e rilevanza, ma oggi voglio parlare di un altro argomento molto discusso in Italia, il conflitto d’interessi. Perchè quando qualcuno ci dice qualcosa, per il nostro bene, è importante sapere se cerca “solo” il nostro bene o se cerca qualcos’altro.

Come dicevo, questo vale per le notizie sul COVID, per le premesse delle decisioni politiche, per lo stato di emergenza o dell’eventuale decisione sul vacino. Ma non solo, vale anche per i consigli dei nostri genitori e altri familiari, degli amici, dei capi e colleghi, chiunque ci dica cosa dobbiamo fare, potrebbe avere una agenda oculta in maniera consapevole e anche inconsapevole.

E, siccome la maggior parte delle volte sarà inconsapevole, dovremmo fare delle indagini sulle credenze, sugli interessi, sulle paure del nostro interlocutore, perchè tutte queste cose possono influenzare le loro parole e, se seguiamo i loro consigli, le nostre scelte.

La buona notizia è che possiamo imparare ad osservare queste cose e anche a  capire se le condividiamo o no, ad andare in profondità perchè, se ci fermiamo alla superficie, possiamo sbagliare e non sempre è facile riprendere la strada quando ci accorgiamo.

 Il mio invito possitivo di  oggi è proprio a imparare a prenderci la responsabilità delle nostre azioni, delle nostre scelte, delle nostre azioni, della nostra strada… per riprendere il comando della nostra vita, e diventare dei giocatori PRO, ed essere più felici, più soddisfatti e più funzionali. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.