due piedi

La settimana prossima, al nostro incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, ancora una volta online, il tema sarà la dualità e come gestirla, perchè ci hanno sempre insegnato che dobbiamo fare delle scelte ma a spesso è pìu funzionale trovare equilibri.

Normalmente parliamo di conflitti, fra quello che vogliamo e quello che crediamo di poter o dover fare. Abbiamo anche parlato qualche volta di paradossi, due verità che sembrano incompatibili, in entrambi i casi stiamo parlando di dualità.

Ma ci sono tantissime altre dualità, per esempio, quella tra dentro e fuori, quella tra la ragione e il cuore, quella tra cui quello che vogliamo e quello che altri vogliono da noi, quella fra ricordare il passato e creare il futuro, quella tral’amore per noi stessi e quello per i nostri cari, quella tra dovere e piacere, quella tra il desiderio di minimizzare lo sforzo e quello di aumentare il profitto, ecc.

Per ogni dualità incontreremo sempre persone che dicono di sapere quale dei due lati sia meglio. Ma io ho una mia teoria, ci va un equilibrio, un bilanciamento. Mi immagino ogni binomio rappresentato da un paio di piedi. Per esempio, nel piede destro posizioniamo il cuore, nel sinistro la testa.                
                             
    Così possiamo vedere graficamente, e immaginare fisicamente, che quando diamo troppo peso a uno dei due lati, quando camminiamo solo con un piede, non possiamo andare da nessuna parte, e solo camminando un po’ con uno e un po’ con l’altro, possiamo veramente progredire.

Il mio invito possitivo di oggi è a partecipare ai nostri incontri, e a comprendere che se muoviamo solo un piede, se esercitiamo solo un muscolo, stiamo soltanto rinunciando a una parte di noi, e che, spesso prima o poi torna a passarci il conto. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.

il diavolo e il cavallo

il diavolo e il cavallo

Dicono che c’era una volta un paese in cui tutti erano molto litigiosi, si dice che era un posto così terribile che, il diavolo, quando voleva prendersi una vacanza dall’inferno e vivere sulla terra, si faceva una passeggiata nelle loro strade.