dentro e fuori

Parlando di crescita personale, inquesti giorni sta girando su facebook e dintorni un’immagine molto carina che ci invita a riflettere sugli atteggiamenti e le attività che corrispondono alle zone di comfort (paura), apprendimento e crescita durante questa “crisi” del Covid19.

In un discorso fra gli amici degli incontri di facciamo pace, in cui ognuno diceva dove credeva di trovarsi, una persona che ammiro molto ha detto, io a volte mi trovo nella zona di apprendimento e altre in quella di crescita. Un po’ come stupita, come se non fosse normale.

Invece, per come la vedo io, la crescita personale più che una strada dritta è una spirale, ne avevamo parlato già nel 2018, e oggi voglio migliorare la spiegazione, approfondirla. Infatti, ho fatto un disegno in cui la spirale entra ed esce dall’acqua per rappresentare che, secondo me, lo sviluppo personale si realizza entrando ed uscendo dal nostro mondo interiore, interiorizzando i nuovi concetti e abiti, quando siamo dentro, e mettendoli alla prova e imparandone dei nuovi, quando siamo fuori.

Quando ci sentiamo pronti usciamo e, ogni volta, ci allontaniamo di più sia dal nostro centro che dal nostro mondo interno, e così andiamo avanti fino a quando, ad un certo punto, sentiamo di esserci allontanati troppo, diventa troppo difficile, e ritorniamo a cercare nuove risorse.

Infatti, il mio invito di oggi è proprio a rendere consapevole questa ciclicità, a non preoccuparci troppo quando stiamo scendendo e a non rilassarci troppo quando stiamo salendo, perchè tutto passa. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

l’università del traffico

l’università del traffico

La settimana scorsa, in un corso di abbondanza, per la prima volta ho sentito parlare dell’università del traffico, si diceva che era la soluzione migliore per prepararci quando si vuole cambiare la propria vita, soprattutto per il suo prezzo contenuto sia in denaro che in tempo.

la bicicletta

la bicicletta

Dicono che c’era una volta un piccolo popolo che abitava isolato in mezzo alle montagne, molto lontano da tutto e da tutti. Erano persone semplici e collegate alla terra, ai suoi ritmi e ai suoi cicli, ma avevano pochi contatti con l’esterno e pochissima tecnologia.