ante todo mucha calma

28 Jul 21

Nella storia di Felix e il segreto delle chiavi magiche, il primo dei tre consigli tökliti, è un invito alla calma. L’ho scritto e, ogni volta che posso, lo dico e lo ribadisco, la prima cosa da fare per diventare consapevoli e sicuramente per poter riprendere i comandi della nostra vita è calmarsi.

Per poter riflettere sulle nostre parole, per poter pensare bene cosa fare, per poter essere più forti, per passare da quelli che vedono crisi a quelli che vedono opportunità, come ci ha ricordato una delle partecipanti all’ultimo incontro del nostro facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, la prima cosa è affrontarla con calma.

 Tutti sanno che non dovremmo prendere decisioni quando siamo arrabbiati, e nemmeno quando siamo troppo felici, perciò è importante, quando abbiamo un problema che ci rende ansiosi, dobbiamo smettere di pensare per un momento al problema e concentrarci sull’ansia, sulla calma, come obbiettivo intermedio.

Non importa quale metodo usiamo, quello che importa è che ci concediamo del tempo per trovare uno stato mentale che ci renda più forti e non più deboli. E che usiamo questo tempo per calmarci con la tecnica più congeniale a noi.

Dobbiamo capire che non è solo la situazione quella che ci mette in difficoltà, ma soprattutto il modo in cui la viviamo, quello che pensiamo della situazione. Vi ricordate quando parlavamo di problemi, giochi e avventure, il segreto per poter ritrovare la calma è togliere importanza ai nostri pensieri, l’obbietivo è smettere di seguire ogni pensiero che possa aggiungere benzina al nostro fuoco.

Per esempio, io uso spesso l’hoponopono, mi aiuta a smettere di dare potere ai miei singoli pensieri, mi aiuta ad estraniarmi ma qualsiasi metodo può funzionare, una preghiera, un mantra, concentrarsi sul respiro, ecc.

La buona notizia è che possiamo farlo, possiamo calmarci, possiamo prenderci il tempo che ci serve, fare i nostri esercizi, e reagire dopo. E possiamo farlo molte più volte di quelle che pensiamo.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri eventi, e anche a  non permettere alla vita di costringerci a reagire quando ci sentiamo sotto pressione, ad allennarci a delegare e a posticipare le cose che non ci sentiamo di fare, almeno fino a quando non avremo la mente lucida. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.