andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

Una delle dualità, infatti, su cui possiamo lavorare è quella che si riferisce a imparare e disimparare. Come se fossero due percorsi, uno ci porta a imparare quel che hanno da insegnarci altri, prima i nostri genitori, poi la scuola, la società e la cultura in cui siamo nati e cresciuti. L’altro ci riporta indietro, a disimparare le lezioni dei “noi”, verso l’io che ognuno di noi può diventare, ci fa conoscere chi siamo e cosa vogliamo.

Tutti noi dobbiamo percorrere entrambi i percorsi, un po’ uno e un po’ l’altro, per ritrovare la nostra versione migliore, dobbiamo imparare alcune cose da altri e altre da noi stessi. Da bambini non ci fidiamo di noi e ci affidiamo in tutto e per tutto ai nostri genitori, ma, crescendo, possiamo iniziare a credere anche a quel che ci viene da dentro.

Tutte le persone che incontriamo sono in una situazione di questo tipo, hanno un conflitto fra quel che hanno imparato su loro stessi e sugli altri e quel che sentono nel loro cuore. C’è chi ha passato più tempo nel percorso dei giudizi e dei “deve” e chi ha percorso già più tempo nel percorso di riscoperta di sé, senza giudizi nè “deve”. Ma non possiamo dire che una posizione è meglio dell’altra. Non c’è un percorso più importante o giusto. Ci sono solo alcuni più trafficati ma sono tutti necessari per portare a termine il nostro progetto di vacanza studio.

Per l’esercizio di terapia narrativa siamo andati a trovare un vecchietto moribondo e abbiamo finito per parlare del libro Vorrei averlo fatto.

Il mio invito possitivo di oggi è a partecipare ai nostri incontri, e a comprendere che ognuno di noi, noi stessi e gli altri, sta facendo il proprio percorso personale, che per alcuni versi può sembrare più avanti e per altri più in dietro, ma è solo un’illusione, e non possiamo compararli perchè si tratta di percorsi diversi. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.