andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

Una delle dualità, infatti, su cui possiamo lavorare è quella che si riferisce a imparare e disimparare. Come se fossero due percorsi, uno ci porta a imparare quel che hanno da insegnarci altri, prima i nostri genitori, poi la scuola, la società e la cultura in cui siamo nati e cresciuti. L’altro ci riporta indietro, a disimparare le lezioni dei “noi”, verso l’io che ognuno di noi può diventare, ci fa conoscere chi siamo e cosa vogliamo.

Tutti noi dobbiamo percorrere entrambi i percorsi, un po’ uno e un po’ l’altro, per ritrovare la nostra versione migliore, dobbiamo imparare alcune cose da altri e altre da noi stessi. Da bambini non ci fidiamo di noi e ci affidiamo in tutto e per tutto ai nostri genitori, ma, crescendo, possiamo iniziare a credere anche a quel che ci viene da dentro.

Tutte le persone che incontriamo sono in una situazione di questo tipo, hanno un conflitto fra quel che hanno imparato su loro stessi e sugli altri e quel che sentono nel loro cuore. C’è chi ha passato più tempo nel percorso dei giudizi e dei “deve” e chi ha percorso già più tempo nel percorso di riscoperta di sé, senza giudizi nè “deve”. Ma non possiamo dire che una posizione è meglio dell’altra. Non c’è un percorso più importante o giusto. Ci sono solo alcuni più trafficati ma sono tutti necessari per portare a termine il nostro progetto di vacanza studio.

Per l’esercizio di terapia narrativa siamo andati a trovare un vecchietto moribondo e abbiamo finito per parlare del libro Vorrei averlo fatto.

Il mio invito possitivo di oggi è a partecipare ai nostri incontri, e a comprendere che ognuno di noi, noi stessi e gli altri, sta facendo il proprio percorso personale, che per alcuni versi può sembrare più avanti e per altri più in dietro, ma è solo un’illusione, e non possiamo compararli perchè si tratta di percorsi diversi. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Words and Pictures (2013)

Words and Pictures (2013)

Questa settimana ho letto su facebook che qualcuno aveva visto Words and Pictures, con Clive Owen e Juliette Binoche, e mi sono incuriosita, l’ho visto su rayplay e mi è proprio piaciuto. Un film che fa riflettere sull’importanza delle parole e delle immagini.

la bestia è in noi

la bestia è in noi

Molti, quando parlo della bestia, si irrigidiscono e dicono “io non sono una bestia, io sono una persona educata”, martedì al nostro prossimo incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, vedremo come in realtà la bestia è un archetipo che si può trovare in ognuno di noi.

confusione di ruoli

confusione di ruoli

Una delle cause più importanti, secondo la mia esperienza personale e come coach la più importante in assoluto, della maggior parte dei problemi relazionali che troviamo in tutti i nostri rapporti è quella che possiamo chiamare “la confusione di ruoli”.