andata e ritorno

02 Dec 20

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

Una delle dualità, infatti, su cui possiamo lavorare è quella che si riferisce a imparare e disimparare. Come se fossero due percorsi, uno ci porta a imparare quel che hanno da insegnarci altri, prima i nostri genitori, poi la scuola, la società e la cultura in cui siamo nati e cresciuti. L’altro ci riporta indietro, a disimparare le lezioni dei “noi”, verso l’io che ognuno di noi può diventare, ci fa conoscere chi siamo e cosa vogliamo.

Tutti noi dobbiamo percorrere entrambi i percorsi, un po’ uno e un po’ l’altro, per ritrovare la nostra versione migliore, dobbiamo imparare alcune cose da altri e altre da noi stessi. Da bambini non ci fidiamo di noi e ci affidiamo in tutto e per tutto ai nostri genitori, ma, crescendo, possiamo iniziare a credere anche a quel che ci viene da dentro.

Tutte le persone che incontriamo sono in una situazione di questo tipo, hanno un conflitto fra quel che hanno imparato su loro stessi e sugli altri e quel che sentono nel loro cuore. C’è chi ha passato più tempo nel percorso dei giudizi e dei “deve” e chi ha percorso già più tempo nel percorso di riscoperta di sé, senza giudizi nè “deve”. Ma non possiamo dire che una posizione è meglio dell’altra. Non c’è un percorso più importante o giusto. Ci sono solo alcuni più trafficati ma sono tutti necessari per portare a termine il nostro progetto di vacanza studio.

Per l’esercizio di terapia narrativa siamo andati a trovare un vecchietto moribondo e abbiamo finito per parlare del libro Vorrei averlo fatto.

Il mio invito possitivo di oggi è a partecipare ai nostri incontri, e a comprendere che ognuno di noi, noi stessi e gli altri, sta facendo il proprio percorso personale, che per alcuni versi può sembrare più avanti e per altri più in dietro, ma è solo un’illusione, e non possiamo compararli perchè si tratta di percorsi diversi. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.