Vorrei averlo fatto (2012)

In questi giorni, mentre scrivo 13 cose che ho imparato giocando a garden scapes, mi é capitato di parlare del libro Vorrei averlo fatto, di Bronnie Ware sui rimpianti delle persone che stavano per morire e mi sono accorta che non ne avevo parlato qui.

Durante gli anni che passò come infermiera nell’ambito delle cure palliative, ad assistere i malati terminali, che spesso le raccontavano la storia della loro vita e quasi sempre finivano col dire “Vorrei averlo fatto…”. E così finì per scrivere questo libro dove raccoglie le lezioni attinte da chi si avvicinava alla morte, per vivere la propria esistenza in modo consapevole e non avere rimpianti.

  • RIMPIANTO 1: Vorrei aver avuto il coraggio di vivere una vita fedele ai miei principi e non quella che gli altri si aspettavano da me;
  • RIMPIANTO 2: Vorrei non aver lavorato così tanto;
  • RIMPIANTO 3: Vorrei avere avuto il coraggio di esprimere i miei sentimenti;
  • RIMPIANTO 4: Vorrei essere rimasto in contatto con i miei amici;
  • RIMPIANTO 5: Vorrei aver permesso a me stessa di essere più felice.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Quali rimpianti potrebbero essere i vostri? Su cosa potreste lavorare prima che sia troppo tardi? Cosa state aspettando? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.