ancora seduzione…

Continuando con il discorso della settimana scorsa, e con l’acronimo, vedremo le altre componenti che sono rimaste senza dettagliare nel primo articolo… eravamo rimaste allo zoom, cruciale perchè la superficialità è il maggior nemico della seduzione…

I.- Sedurre è un po’ un gioco in cui bisogna incuriosire, invitare, indurre, invogliare, e imparare a sfruttare la nostra intuizione, per comprendere cosa serve all’altro come individuo, e per farlo sentire importante, che sia un maschio o una femmina, perchè, per come la vedo io, siamo tutti diversi ed il genere, qualsiasi esso sia, è solo una caratteristica e non la più influente, per poter arrivare ad un’intimità che è parte dell’obiettivo;

O.- Come per tutto, consiglio di osservare, perchè ogni persona è diversa e solo osservando possiamo capire com’è, di cosa ha bisogno e cosa possiamo offrirle, perchè, come dicevamo… è tutto questione di offrire;

N.- L’idea è arrivare a creare la complicità per inventare qualcosa di nuovo, scrivere una storia con noi due come protagonisti, che ci porti in una nuova dimensione, una storia che possa nascere con il contributo di entrambi e che possa soddisfare i bisogni e le necessità di ognuno;

E.- E per finire troviamo di nuovo la E, con l’entusiasmo, l’empatia e l’energia. Perchè la seduzione non è magia, nemmeno quando conosciamo la PNL, il potere delle parole, come leggere il linguaggio non verbale, come comprendere i bisogni delle altre persone, ecc. La seduzione è pur sempre un processo comunicativo e dobbiamo essere pronti a fare la nostra parte, essere noi stessi.

Vi va? Vi incuriosisce? Rimanete in collegamento per essere aggiornati…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

di eroi e di battaglie

Oggi voglio farvi il primo aggiornamento sul progetto degli eroi, come dicevo, nel laboratorio stiamo ripercorrendo una versione adattata di quello che si chiama il viaggio dell’eroe. Un viaggio di crescita personale, fatto da riflessioni e cambiamenti interiori in risposta a sfide e cambiamenti esteriori.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.