ancora seduzione…

Continuando con il discorso della settimana scorsa, e con l’acronimo, vedremo le altre componenti che sono rimaste senza dettagliare nel primo articolo… eravamo rimaste allo zoom, cruciale perchè la superficialità è il maggior nemico della seduzione…

I.- Sedurre è un po’ un gioco in cui bisogna incuriosire, invitare, indurre, invogliare, e imparare a sfruttare la nostra intuizione, per comprendere cosa serve all’altro come individuo, e per farlo sentire importante, che sia un maschio o una femmina, perchè, per come la vedo io, siamo tutti diversi ed il genere, qualsiasi esso sia, è solo una caratteristica e non la più influente, per poter arrivare ad un’intimità che è parte dell’obiettivo;

O.- Come per tutto, consiglio di osservare, perchè ogni persona è diversa e solo osservando possiamo capire com’è, di cosa ha bisogno e cosa possiamo offrirle, perchè, come dicevamo… è tutto questione di offrire;

N.- L’idea è arrivare a creare la complicità per inventare qualcosa di nuovo, scrivere una storia con noi due come protagonisti, che ci porti in una nuova dimensione, una storia che possa nascere con il contributo di entrambi e che possa soddisfare i bisogni e le necessità di ognuno;

E.- E per finire troviamo di nuovo la E, con l’entusiasmo, l’empatia e l’energia. Perchè la seduzione non è magia, nemmeno quando conosciamo la PNL, il potere delle parole, come leggere il linguaggio non verbale, come comprendere i bisogni delle altre persone, ecc. La seduzione è pur sempre un processo comunicativo e dobbiamo essere pronti a fare la nostra parte, essere noi stessi.

Vi va? Vi incuriosisce? Rimanete in collegamento per essere aggiornati…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da qualunque disavventura si può trarre un vantaggio (basta avere la pazienza di cercarlo)

 

sfruttare tutto al massimo

Nella settimana scorsa sono andata al mare ogni giorno, dalla matina alla sera, sui lettini, sotto gli ombrelloni, per la prima volta nella mia vita. Qualcuno ha sentito il bisogno di dirmi che non potevo non fare il bagno, che non potevo non prendere il sole, che dovevo sfruttare al massimo le giornate. E ho pensato di condividere con voi la mia riflessione sull’argomento.

il prezzo più alto

Dicono che c’era un gioielliere seduto alla scrivania che guardava distrattamente la strada attraverso la vetrina del suo elegante negozio quando una bambina si avvicinò e schiacciò il naso contro la vetrina. I suoi occhi color del cielo si illuminavano vedendo quegli oggetti esposti.

Anatomia dello Spirito (1996)

Questa estate ho conosciuto (letto) per la prima volta Caroline Myss, una divulgatrice intuitiva e saggia, e mi sono innamorata, mi sono bevuta tre libri senza mai stancarmi del suo modo di raccontare perchè è molto in sintonia con i miei altri maestri. In questo Anatomia dello Spirito, I sette livelli del potere personale mischia e cucina insieme elementi di diverse religioni e spiritualità con un gusto squisito e una chiarezza impressionante.

un punto alla volta

Oggi voglio parlarvi di un’altro dei workshop o piccoli eventi tematici, che stiamo preparando per l’anno prossimo. Si tratta di una giornata di cucito creativo e coaching e si chiama “cambiamo il mondo, un punto alla volta”. Sarà un momento di riflessione, di formazione e di allenamento, e useremo il cucito come attività pratica in cui concentrarci, e con cui mettere in moto delle capacità che poi potremo usare in altri momenti della nostra vita.

se ti ho incuriosito...