soddisfazione

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo ripreso la nostra ruota della bestia e abbiamo parlato di quanto sia, per molti di noi, strano pensare a cosa sia importante per noi, a cosa ci dia delle soddisfazioni.

Abbiamo parlato di come siamo stati educati per essere ubbidienti e non pensare e per temere i cambiamenti e le novità, da persone che lo avevano imparato da piccoli e che non si sono mai fermati a pensare  se era la cosa giusta da tramandare.

Ci sono frasi come “chi lascia la strada vecchia per quella nuova, sa cosa lascia ma non sa cosa trova“, che abbiamo sentito così tante volte che ci sono entrate fino nel profondo del nostro cuore, anche se non eravamo d’accordo.

Frasi che avevano un senso tempo fa ma non ce l’hanno più, perchè il mondo è cambiato e continua a cambiare. Le sicurezze che avevano in cambio della loro ubbidienza i nostri avi non ci sono più.

La buona notizia è che ci sono altre opzioni, che oggi possiamo fare di testa nostra e può funzionare. Ma dobbiamo imparare cose nuove come: osservare, responsabilizzarci, aggire di testa propria. Credere in noi stessi e in quello che abbiamo dentro.

Il mio invito possitivo di oggi è a partecipare ai nostri incontri, e a rimanere sempre attenti alla nostra soddisfazione, sederci un’attimo ogni tanto per chiederci cosa vogliamo e, soprattutto, a non insistere nelle situazioni in cui non stiamo bene, in cui aspettiamo che cambi la situazione, l’altra persona, perchè rimanere vuol dire diventare dei complici. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.