questione di priorità

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo parlato di valori e di priorità. Abbiamo visto che in un mondo complesso come quello in cui viviamo definire le nostre priorità se non vogliamo che le definiscano le circostanze o qualcun’altro.

 Abbiamo visto come spesso cerchiamo di fare troppo, in troppo poco tempo, mancando, senza accorgerci di responsabilità, di realismo e, soprattutto di consapevolezza, per poter essere coerenti e sentirci più forti.

Partendo dalle definizioni e dalle valutazioni che ci eravamo dati per ogni aspetto della nostra vita lavorando sulla ruota della vita, abbiamo parlato:

  • da una parte dei valori che ci hanno portato a sceglierli, e le priorità che diamo ad ogni valore in caso di conflitto, perchè la complessità della vita crea sempre dei conflitti;
  • e dall’altra della veridicità, oggettività e imparzialità del nostro racconto.

Perchè è importante capire quanto siano nostre queste valutazioni e questi concetti e quanto siano stati condizionati dal nostro ambiente, dalla nostra cultura, dalla nostra famiglia, i nostri amici, ecc.

Perchè, se non lo sono, ci sarà sempre una parte di noi infelice e insoddisfatta, frustrata e indolente che ci metterà i bastoni fra le ruote.

C’eravate? Vi è piaciuto? Spero di si e vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Se Dio vuole (2015)

Se Dio vuole (2015)

Ieri mi sono divertita da impazzire con Se Dio vuole con due attori meravigliosi Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Un film tanto simpatico quanto realistico sulla chiesa, sulla fede, la fiducia e la speranza.

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono il mio ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo (con due esse) sia più che altro un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.