prendersi le proprie responsabilità

Per finire il discorso su come analizziamo gli altri, il mondo e noi stessi, sugli aprezzamenti e le valutazioni, e sui sentimenti base, e per iniziare ad introdurre il discorso sull’accetologia che riprenderemo al prossimo incontro di facciamo pace, potremmo dire che il passo successivo per rendere utili queste riflessioni è prenderci le nostre responsabilità. Scelte nel modo corretto, quelle proporzionali, quelle funzionali che possono portarci dove vogliamo andare.

Il discorso delle responsabilità è complesso, ne abbiamo già parlato più volte, soprattutto perchè spesso viene frainteso e utilizzato da chi vuole manipolarci usando i nostri sensi di colpa. Ma anche perchè in un rapporto, in una relazione, ci sono corresponsabilità, e non è semplice capire fino a dove arriva la reponsabilità dell’uno e dove inizia quella dell’altro. Soprattutto perchè sono interrelazionate e non è facile capire chi inizia e chi risponde.

Per cominciare, perchè siamo abituati a pensare che quello che succede dentro di noi dipende da quello che succede fuori, quando questo è solo la metà della storia. Perciò per riprenderci la responsabilità in una relazione dobbiamo iniziare dal prenderci la responsabilità delle nostre emozioni, delle nostre credenze e della nostra visione del mondo.

Poi, per ogni interazione, bisogna prenderci la responsabilità della nostra parte di essa, sia che siamo noi ad iniziare a parlare o che stiamo rispondendo alle parole dell’altro. In ogni interazione in cui non otteniamo quello che ci aspettiamo è facile pensare che è tutta responsabilità dell’altro (perchè noi abbiamo fatto del nostro meglio e lui o lei no). Invece, se pensiamo di avere parte di responsabilità, di non aver capito qualcosa e di non aver agito adeguatamente per questa ragione… abbiamo molte più possibilità di cambiare la situazione.

Ma non è tutto prenderci più responsabilità, è anche non prendersi quelle che non sono nostre. Così come è nostra responsabilità la nostra felicità, le nostre emozioni e le nostre credenze, non lo sono la felicità degli altri, le loro emozioni o il loro modo di vedere il mondo. La maggior parte di noi perde molte energie e tempo inutilmente sentendosi colpevoli e cercando di cambiare le cose che non sono nostra responsabilità.

Ci avevate pensato? Vi ho incuriositi? Venite e parliamone…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Ci sono stati venerdì manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, ma adesso bisogna vedere se cambiano qualcosa.

Hotei, il Buddha che ride

Dicono che una volta c’era un monaco buddista che cacciava di serpenti, ma dopo averli catturati toglieva loro il veleno per evitare che mordessero i passanti e poi li liberava, e per la sua bontà ottenne l’illuminazione spirituale. Aveva un grande sorriso e una grande pancia, che si crede contenesse una grandissima anima.

Felix e il segreto delle chiavi magiche (2019)

Finalmente posso darvi una notizia che aspettavamo da anni, è uscito, è pronto, è disponibile per essere acquistato e letto, Felix e il segreto delle chiavi magiche è diventato una realtà grazie a Sergio Chiarla e all’editore ETI. È un romanzo pieno di conversazioni su psicologia e filosofia che ho scritto con la speranza di poter portare i miei messaggi anche agli amici con cui non riesco mai ad approfondire certi discorsi, e non solo.

i limiti della bestia

Ad alcuni fa innervosire tutto questo parlare della bestia, ma è solo un gioco, per tirare fuori la bestia che c’è in noi, quella capace di lottare per quello che crede sia importante, spesso con più cuore di molti umani. La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, vedremo cosa la rende così forte, quasi invincibile…

curiosità e controllo

Ci sono due motivazioni molto semplici da confondere per coloro che non sono adetti ai lavori: la curiosità e il controllo. Entrambe portano a cercare di sapere il più possibile su un argomento, ma per ragioni molto diverse. Vi siete mai fermati a pensarci?