qualcosa di meglio da fare

15 May 19

Ieri, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato dell’aria come promesso la settimana scorsa, e anche di altri aspetti di consapevolezza e responsabilità come la presa di coscenza sulle cose che facciamo e che lasciamo “da fare”, sulle priorità che mostriamo.

 Spesso ci capita di dire “vorrei ma non posso” o, ancora peggio, di pianificare molte più attività di quelle che sarebbe possibile fare con il tempo che abbiamo a disposizione, senza fermarci a pensare prima. Infatti, uno dei maggiori rischi di questo atteggiamento è che possiamo fare stare male qualcun’altro.

Quando qualcuno fa un piano con noi e all’ultimo rimanda, dice che non può più, o fa finta di niente… ci farà sentire poco importanti ai suoi occhi. E, a volte, sembra vero anche a lui o lei, anche se non riesce ad ammetterlo nemmeno con se stesso o se stessa. Sicuramente perchè non ha letto Il Magico Potere di Sbattersene il Ca**o .

Ma, altre volte, nemmeno chi lo fa si rende conto di star scegliendo di rinunciare a scegliere, preferisce pensare che non può fare diversamente e delegare il proprio potere e la propria responsabilità, come dicevamo la settimana scorsa, quando elencavamo i modi in cui perdiamo la nostra responsabilità.

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere? Venite al prossimo che continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualunque disavventura si può trarre un vantaggio (basta avere la pazienza di cercarlo)

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.